Inammissibile che il processo al presidente Salvatore Cuffaro venga spostato per legittimo sospetto

03 dicembre 2007

Il processo in corso a Palermo, alle ''Talpe della Dda di Palermo'', nel quale è stata chiesta la condanna a otto anni di reclusione per favoreggiamento a Cosa nostra nei confronti del governatore della Sicilia Salvatore Cuffaro, non deve essere spostato per legittimo sospetto.
E' questo il parere espresso, in una breve requisitoria scritta e presentata la scorsa settimana, dal sostituto procuratore generale della Cassazione Vittorio Meloni, che ha chiesto l'inammissibilità dell'istanza di rimessione del processo presentata dai legali di Cuffaro.
Ad avviso del pg Meloni, la richiesta di rimessione deve essere dichiarata inammissibile per ritardi degli atti di notifica alle altre parti processuali. Oltre alla declaratoria di inammissibilità, il pg Meloni ha chiesto che Cuffaro paghi anche una multa alla Cassa delle Ammende. Il prossimo 11 dicembre, la Settima Sezione penale della Cassazione deciderà se accogliere la conclusione della requisitoria di Meloni oppure se accogliere l'istanza di Cuffaro.
Intanto il processo prosegue a Palermo e l'ultima arringa è prevista per il prossimo 17 dicembre.

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

03 dicembre 2007

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia