Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

Inchiesta "Iblis": "Servono prove certe"

La Cassazione ha annullato alcune ordinanze di custodia cautelare a carico di quattro indagati nell'inchiesta che coinvolge il governatore Lombardo e suo fratello Angelo

04 agosto 2011

Nei giorni scorsi la Corte di Cassazione ha annullato, con rinvio a un nuovo collegio del Tribunale del riesame di Catania, l'ordinanza di custodia cautelare a carico di quattro indagati dell'inchiesta "Iblis" su presunti rapporti tra mafia, politici e imprenditori.
Il provvedimento interessa l'imprenditore Rosario Ragusa, l'avvocato civilista Agatino Santagati, gli imprenditori Giovanni D'Urso e Felice Naselli, ritenuti dai pm i riciclatori della cosca Ercolano nell'operazione del centro commerciale "la Tenutella" di Misterbianco. I quattro indagati sono difesi dagli avvocati Franzina Bilardo, Delfino Siracusano e Maurizio Magnano, Giuseppe Ragazzo e Vittorio Lo Presti, Mario Brancato. Intanto gli avvocati Lo Presti e Brancato hanno subito chiesto la scarcerazione dei loro assistiti.
Nel provvedimento, in merito alle collusioni con la mafia i giudici della quinta sezione penale della Cassazione hanno puntualizzato: "E' ovvio che nel passaggio dalla sfera del notorio e dal momento sociologico a quello giudiziario è necessario che quel dato di conoscenza si attualizzi e storicizzi nelle forme dell'elemento probatorio, ovvero nell'indizio grave univocamente funzionale non nell'accertamento della responsabilità, ma di una qualificata probabilità di colpevolezza". Come dire che ci vogliono le prove chiare e definite, non bastano i "de relato".

Nel operazione "Iblis", i carabinieri del Ros hanno ricostruito le recenti dinamiche di Cosa nostra etnea, documentandone gli interessi criminali e le infiltrazioni negli appalti pubblici, mediante una capillare rete collusiva nella pubblica amministrazione. Contemporaneamente agli arresti, i militari dell'Arma hanno eseguito il sequestrato di beni per almeno 400 milioni di euro, comprendenti l'intero circuito economico di imprese, complessi commerciali, fabbricati e beni mobili dei sodalizi indagati.
Nello stesso fascicolo erano presenti anche il presidente della Regione siciliana, Raffaele Lombardo, e suo fratello Angelo, deputato Mpa alla Camera, le cui posizioni sono state stralciate (LEGGI) assieme a quella di un imprenditore catanese. Perché, secondo i vertici della procura, la richiesta di rinvio a giudizio per i Lombardo non avrebbe retto al vaglio del gip in considerazione dei paletti fissati dalla cassazione nell'ambito del processo per concorso esterno all'ex ministro Calogero Mannino.

[Informazioni tratte da ANSA, Lasiciliaweb.it]

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

04 agosto 2011
Caricamento commenti in corso...

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia