Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine
 Cookie

Inchiesta "Paesan Blues"

Ricordate del blitz antimafia sull'asse Sicilia-Usa avvenuto lo scorso anno? La difesa compatta nel chiedere l'assoluzione

27 giugno 2011

Avvocati compatti nella richiesta di assoluzione per non aver commesso il fatto. La posizione dei difensori di Girolamo Rao (rappresentato da Jimmy D’Azzò), Gioacchino Corso (difeso da Michele Giovinco) e Pietro Pilo (difeso da Francesco Marasà) è quella della totale estraneità degli imputati alle accuse. Il processo è una tranche dell’inchiesta "Paesan Blues". Il 10 marzo 2010 agenti della Squadra mobile di Palermo e dell’Fbi arrestarono 27 persone, demolendo l’ambizioso tentativo del clan di Santa Maria di Gesù di riprendere il potere a Palermo. I boss siciliani stavano riallacciando i rapporti con gli "scappati" in America per sfuggire al massacro firmato dai Corleonesi di Totò Riina.
Al centro del dibattimento che si è tenuto giovedì scorso c’è un viaggio in Calabria, datato 23 giugno 2009. Secondo l’accusa, Giuseppe Lo Bocchiaro, Pietro Pilo e Gioacchino Corso erano partiti da Palermo per rifornirsi di hashish da smerciare a Palermo e nel Nisseno. L’avvocato Franco Marasà però non ci sta: "Che senso avrebbe avuto per il mio assistito Pietro Pilo, con delle condanne per associazione mafiosa alle spalle, buttarsi in questo traffico con l’altissima probabilità di essere identificato? Non è escluso – continua l’avvocato – un suo coinvolgimento in atti illeciti, ma sicuramente non quelli caldeggiati dalla pubblica accusa". Difensori concordi: la banda di mafiosi che spacciava droga non è mai esistita. Estraneo alle vicende, secondo l’avvocato Jimmy d’Azzò, sarebbe Girolamo Rao, detto Mimmo, e per il quale l’accusa ha chiesto 11 anni di reclusione. In alcune intercettazioni ambientali si sente Rao parlare con mafiosi impegnati a caricare hashish una macchina. Per il legale della difesa, invece, a scagionarlo sarebbero le dichiarazioni del pentito Di Maio, secondo cui Rao, non era autorizzato a presenziare alle riunione dei mafiosi. Avrebbe avuto solo la sfortuna di trovarsi nel posto sbagliato al momento sbagliato quando i presunti boss di Santa Maria di Gesù si davano appuntamento nel suo negozio di via Maqueda. [Articolo di Gianluca Ferrari, LiveSicilia.it]

- Blitz antimafia sull'asse Sicilia-Usa (Guidasicilia.it, 10/03/10)

- Operazione Paesan Blues (Guidasicilia.it, 11/03/10)

- "Paesan Blues": le prime convalide degli arresti (Guidasicilia.it, 12/03/10)

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

27 giugno 2011
Caricamento commenti in corso...

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia