Internet, e-mail, cellulari, sms: l'italiano è ''homo telematicus fai da te''

09 luglio 2002
L'italiano è ''homo telematicus fai da te''.

E' vero infatti che ha scoperto Internet, usa moltissimo telefonia mobile e sms, posta elettronica e navigazione a vista ma il 60% della forza lavoro usa il computer senza alcuna preparazione e frequenta poco l'e-commerce e la pubblica amministrazione on-line.

In una situazione di grave crisi quale quella che ha investito gli Stati Uniti e buona parte dei paesi europei dopo l'11 settembre, l'Italia comunque ha potuto vantare nel 2001 un'espansione del suo mercato ICT dell'8,7% rispetto all'anno precedente, per un valore complessivo di oltre 63 miliardi di euro.

In particolare, le telecomunicazioni hanno realizzato un incremento superiore di quasi il 5% alla media mondiale. In altri settori si registra invece un certo ritardo rispetto alle attese.

E' quanto emerge dall'VIII Rapporto sulla tecnologia dell'informazione e della comunicazione in Italia, elaborato dal Forum per la tecnologia dell'informazione, con il patrocinio e in collaborazione del Cnel.

Prima di tutto c'è da registrare in Italia un vero boom della rete. Lo scorso anno nel mondo 514 milioni di persone erano collegate: 155 milioni in Europa e 19 milioni in Italia, con una percentuale sulla popolazione (33,37%) di poco inferiore a quella tedesca (34,49%) ma superiore a quella della Francia e della gran parte degli altri paesi Ue.

Mentre nel 1997 gli utenti italiani della Rete erano 400 mila. Però se in Italia circa il 60% della forza lavoro usa il computer, per due terzi non ha ricevuto alcuna formazione specifica o addestramento.

Da una parte infatti è innegabile che si stia delineando una sorta di ''famiglia telematica''. A fine 2001, ben 8 milioni di famiglie italiane risultavano ampiamente dotate di apparati digitali (Tv satellitari e pay-tv, telefonini, installazioni di Pc e connessioni Internet), anche se il legame maggiore rimane quello con i telefoni cellulari e la televisione.

Nello stesso tempo rimane il divario tra Nord e Sud, che pur rappresentando il 36% della popolazione e il 28% delle imprese italiane, contribuisce alla spesa per l'ICT solo nell'ordine del 15%.

Un gap che, se non si corre tempestivamente ai ripari, rischia di divenire insanabile.

Fonte: Ansa

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

09 luglio 2002

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia