L'antenna anti wind-shear con un'ordinanza...

La controversia infinita tra Enac e Isola delle Femmine: l'ente vuole dichiarare "essenziale" l'antenna meteo

22 novembre 2010

L'Ente Nazionale dell'Aviazione Civile (Enac) sta verificando la possibilità di dichiarare l'antenna radar da piazzare a Isola delle Femmine (PA) uno strumento essenziale per la sicurezza del volo e procedere alla sua realizzazione attraverso un'ordinanza dello stesso ente.
È l'ipotesi avanzata dal presidente dell’Enac, Vito Riggio, all’indomani della manifestazione di protesta che si è svolta nel piccolo Comune vicino all’aeroporto Falcone-Borsellino di Punta Raisi.

Il braccio di ferro tra Enac e amministrazione comunale va avanti da anni. Per il sindaco, Gaspare Portobello, e buona parte della popolazione l'antenna sperimentale – che serve a prevedere il fenomeno del wind-shear, i venti di caduta che rappresentano un pericolo nella fase di atterraggio e decollo degli aerei - provocherebbe un inquinamento elettromagnetico pericoloso per la salute.
"Abbiamo un parere dell'Istituto superiore della sanità – ha detto Riggio - che esclude questo rischio. Il fascio di trasmissione dell'antenna, posizionata a 30 d’altezza, interessa una quota compresa tra tremila e 300 metri e non investirebbe certamente le case e l'abitato". "L'Enac ha cercato e cerca una soluzione concordata – ha concluso Riggio -, ma se il Comune e la popolazione dovessero insistere per il no, non escludo di ricorrere a un’ordinanza. Consulterò il nostro ufficio legale, ma credo che sia ravvisabile l’attentato alla sicurezza nei trasporti".

Il fenomeno del wind-shear interessa 20 dei 47 aeroporti italiani, ma l’intensità del fenomeno è particolarmente rilevante a Palermo e, in misura decrescente, a Reggio Calabria e Genova.

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

22 novembre 2010

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia