L'assessore Sgarbi e la ricostruzione del Tempio G di Selinunte

"In 7 mesi alziamo le colonne del tempio G. Aspetto l'ok definitivo di un mecenate e a marzo il decreto"

19 gennaio 2018
L'assessore Sgarbi e la ricostruzione del Tempio G di Selinunte

"Entro questo mese avrò un preventivo vero che farò vedere a un finanziatore molto attendibile e importante che deve darci la sua definitiva adesione e che individuerà gli sponsor e a marzo sapremo con certezza se ci sarà un mecenate, da quel momento farò un decreto e ci sarà una gara per sapere chi farà i lavori. Credo che si potrà cominciare a mettere in piedi le prime colonne del tempio G di Selinunte entro sette mesi".
Lo ha annunciato l'assessore regionale ai Beni Culturali Vittorio Sgarbi intervenendo al convegno "Valorizzazione e tutela dai rischi geologici della polis di Selinunte" in cui sono stati presentati i risultati del primo di tre anni di una ricerca che i geomorfologi dell'Università di Camerino stanno svolgendo nel sito (LEGGI).

Il tempio G, dedicato agli dei olimpici e alle principali divinità della città di Selinunte (Zeus, Phebo, Apollo, Pasikrateia, Malophoros), sorgeva sulla collina orientale del parco archeologico. È di ordine dorico e per le sue dimensioni è considerato uno dei templi più grandi del mondo greco. Si fa risalire tra il VI e il V secolo avanti Cristo. Le forme architettoniche molto diverse fanno presumere che sia stato realizzato in un arco di tempo di circa 75 anni.
"Il prezzo della ricostruzione di ogni colonna - ha aggiunto Sgarbi - è intorno ai 600 mila euro. Ho chiesto preventivi a quattro diverse fonti e quello più autorevole è della Soprintendenza del mare, ente capofila, con la Soprintendenza del sito che hanno elaborato un progetto intorno ai 12 milioni di euro. Un altro progetto indicava una spesa di circa 5 milioni di euro e un altro, che prevede la ricostruzione anche della cella e di altre componenti del tempio si avvicinava ai 35 milioni di euro. Ho detto loro di mettersi d'accordo e di darmi un preventivo certo, che pare potrebbe essere intorno ai 15 milioni con la ricostruzione del solo peristilio".

"Il progetto - ha detto ancora l'assessore - lo proporremo ai mecenati, cosa che potrebbe avvenire già nei prossimi giorni. La ricostruzione del tempio G di Selinunte è stata oggetto di discussione di alcune riunioni con gruppi di lavoro e di una riunione con il presidente della Regione, io devo solo trasferire il preventivo per la fattibilità dell'impresa e vedere se esso è accolto con favore. La volontà politica della ricostruzione esiste, gli studi sono stati in gran parte esperiti con un convegno del 2013, altri studi sono stati fatti e quelli dell'Università di Camerino sono utili sul piano della geologia". Sulla notizia che una faglia attiva attraversa proprio l'area del tempio G l'assessore ha detto: "Se per caso le conclusioni fossero così drastiche potremo anche non ricostruirlo e potremo ricostruire altri templi più piccoli".

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

19 gennaio 2018

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia