L'ex base Nato di Isola delle Femmine diventerà una delle più grandi "Città della Scienza" d'Europa

18 luglio 2007

Un'area di 50 ettari e un chilometro di gallerie nelle viscere della montagna di Isola delle Femmine (PA). Fino ad otto anni fa questo territorio apparteneva alla Nato; un hangar e una polveriera in una delle più importanti zone geopolitiche del mondo: il Mediterraneo.
Da sito bellico questa grande area si trasformerà in un luogo per la promozione della vita e dello sviluppo territoriale dal punto di vista scientifico-turistico-economico. Qui nascerà, infatti, una delle più grandi ''Città della Scienza'' di tutta Europa per lo studio e la tutela della flora e della fauna del Mediterraneo, con annessi acquario, percorso ambientalistico, stazione di biologia marina e ostello della gioventù nelle vicinanze dell'aeroporto di Palermo.

Il progetto, tramite un protocollo d'intesa, vede insieme la Regione (assessorati Turismo e Ambiente), la Provincia di Palermo, il comune di Isola delle Femmine, Confindustria Sicilia, Tecla e Unimed (che unisce le università del Mediterraneo).
Il costo dell'opera, circa 100 milioni di euro, sarà coperto in parte da fondi europei e in parte da risorse dei partner. Lo studio di fattibilità sarà pronto a novembre.
L'intervento di Confindustria Sicilia mira a promuovere la nascita, attorno a questo centro scientifico-turistico internazionale, di un sistema che, fra strutture di ricerca, attività ricettive e indotto dei servizi, sia capace di assorbire circa tremila persone.
 
Secondo Ettore Artioli, vicepresidente di Confindustria per il Mezzogiorno, quello della Città della Scienza di Isola delle Femmine è ''un innovativo modello di sviluppo'' esportabile in tutto il Sud Italia, e che Confindustria intende esportare. ''Le istituzioni pubbliche acquisiscono il bene dal demanio e si occupano delle opere strutturali; l'apporto dei privati è di tipo manageriale, per promuovere i flussi di visitatori e per far sì che un bene naturalistico quale la risorsa marina diventi anche strumento di attrazione turistica attraverso un'osservazione diretta e multimediale delle sue bellezze e delle tecniche di tutela adottate sul posto dagli scienziati''.

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

18 luglio 2007

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia