L'importanza dei Cpt per il Commissario Franco Frattini e il ministro Giuseppe Pisanu

L'importanza della loro esistenza, i progetti per costruirne altri

18 ottobre 2005

Da Bruxelles il Commissario europeo per Giustizia, Libertà e Sicurezza della Ue, Franco Frattini, sottolinea l'importanza dell'esistenza Centri di permanenza temporanea (Cpt) per applicare l'accordo di Schengen.
''C'è l'obbligo di custodire temporaneamente coloro che sono entrati illegalmente e non hanno documenti accertati. Se non ci fossero i centri queste persone si muoverebbero liberamente e ci sarebbe la violazione dello stesso trattato di Schengen''.
E' quanto detto da Frattini ai giornalisti a margine della presentazione del rapporto ''Tratta degli esseri umani''.
''Le eventuali condizioni inumane all'interno dei Cpt - ha aggiunto il Commissario Ue - non mettono in discussione l'esistenza di questi centri. Usando un paradosso potrei dire che se le condizioni sono disumane vuol dire che servono altri Cpt perché i clandestini sono troppi''.

E mentre Frattini difende l'esistenza dei Cpt, il ministro dell'Interno Giuseppe Pisanu è stato personalmente nel centro di Lampedusa.
''Il ministro degli Interni Beppe Pisanu ha preso l'impegno di convocare entro la settimana una conferenza di servizio per risolvere i problemi del centro di permanenza temporanea a Lampedusa''. Lo afferma il sindaco Bruno Siragusa che ha accompagnato ieri mattina il titolare del Viminale in visita nell'isola delle Pelagie.
Pisanu, racconta Siragusa, ha visitato il centro sia appena arrivato sull'isola che dopo il vertice svoltosi nella caserma dell'aeronautica, compiendo un blitz in tarda mattinata per ''verificare - aggiunge - se la gestione della struttura fosse adeguata al di là delle visite ufficiali''.

Nel centro vi sono attualmente 450 persone. ''La struttura ne potrebbe contenere 186 - spiega il sindaco - quindi è naturale che esistano disagi''. ''Il ministro - aggiunge Siragusa - si è detto disponibile ad accelerare il trasferimento del Cpt nella caserma dell'esercito in contrada Imbriacola, come già concordato con il ministero della Difesa. I posti disponibili sarebbero circa 250 con la realizzazione di infrastrutture più confortevoli, come spazi più vasti, un campo di pallavolo inserito nel verde, rete fognaria adeguata e impianto dissalatore''.
Il centro sarebbe inoltre ''di accoglienza'' e non ''di permanenza'' e quindi per legge gli extracomunitari potranno rimanere a Lampedusa soltanto per 24 o al massimo 48 ore. Con il ministro è stato anche concordato di accelerare il trasporto degli immigrati verso altri centri sia con i ponti aeree sia con il noleggio di mezzi navali e non con i traghetti di linea. ''Abbiamo anche chiesto - ha concluso Bruno Siragusa - di attrezzare al più presto uno scalo portuale alternativo a Cala Pisana, i lavori per realizzarlo sono già cominciati, bisogna soltanto ultimarli''.

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

18 ottobre 2005

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia