L'incubo della ''terza settimana''. Metà delle famiglie italiane costrette a stringere la cinghia al massimo

13 luglio 2007

Fino a qualche anno fa l'incubo di un gran numero di famiglie italiane era quello della ''quarta settimana'', ossia arrivare alla fine del mese senza il becco di un quattrino e quindi ritrovarsi nei guai qualora si fosse presentata un'improvvisa spesa. I tempi però cambiano, o meglio, i tempi purtroppo accorciano, e oggi un gran numero di famiglie si ritrova ad avere il sonno disturbato già alla ''terza settimana'': già al venti del mese non riescono a far quadrare il magro bilancio.
Sono cinque milioni le famiglie (due su dieci) italiane povere o che rischiano di diventarlo a breve. Basta un divorzio, la perdita del lavoro o una malattia, a compromettere l'equilibrio finanziario di una fetta sempre più grande di nuclei familiari. Solo il 24% della famiglie non ha problemi economici; tutti gli altri ammettono di dover tirare la cinghia.
La ''novità'' sta però nell'incremento della cosiddetta ''povertà in giacca e cravatta'', che colpisce i ceti medi, costretti a fare la fila alla mense pubbliche: alle porte della Caritas bussano sempre meno immigrati e sempre più italiani. Tra questi tanti sono le persone che hanno acceso un mutuo per acquistare casa ma non riescono a pagarlo. 

Un quadro tanto disastrato esce fuori dalla ricerca sulla condizione finanziaria delle famiglie, realizzata da Eurispes in collaborazione con Federcasalinghe: ''La famiglia di fronte alla crisi del welfare''.
Lo studio mostra un'Italia a due economie: un'economia delle famiglie e una delle imprese. Gian Maria Fara, presidente dell'Istituto di studi politici economici e sociali di Roma che ha condotto l'analisi, dice: ''Da un lato cresce il PIL, sostenuto prevalentemente dalle esportazioni e non dai consumi interni; dall'altra, manca una condivisione della crescita che, per il momento, si risolve ad esclusivo vantaggio delle imprese''.
Secondo l'Eurispes l'inflazione ha ripreso a salire: ''Per primi lanciammo un segnale d'allarme nell'agosto del 2002 denunciando un'inflazione galoppante all'8%'', ha ricordato Fara. ''Subimmo per questo dure critiche, ma per noi l'inflazione non è né di centrodestra né di centrosinistra. Oggi, a distanza di cinque anni, segnaliamo nuovamente che l'inflazione, dopo un periodo di stasi, sta tornando a crescere più di quanto indicato dalle statistiche ufficiali''.

Per arrivare nuovamente a preoccuparsi della ''quarta settimana'' gli italiani, dunque, devono  tagliare spese. Ma dove? Innanzitutto, riducono le risorse destinate ai regali (''abbastanza'' nel 39,9% dei casi e ''molto'' nel 23,1%); privilegiano l'acquisto dei prodotti in saldo (il 40,8% lo fa abbastanza spesso e il 23,6% ancora più frequentemente). Il 56,3% si rivolge ''molto'' o ''abbastanza'' frequentemente ai punti vendita più economici come i discount. I grandi magazzini e gli outlet affascinano invece i consumatori quando si tratta di abbigliamento ''molto'' o ''abbastanza'' rispettivamente nel 24% e nel 43,2% dei casi.
E' invece allarme sull'insolvenza dei mutui. Il numero dei contratti non onorati è in aumento; si calcola che nel solo 2006, le famiglie in difficoltà nel pagare le rate del mutuo sono cresciute del 5,1%. Il debito complessivo in sofferenza è di circa 11 miliardi di euro nel 2006 e le famiglie coinvolte sono almeno 410.000.
Tutto ciò, di conseguenza, spinge sempre più italiani a fare affidamento nelle finanziarie. ''Un numero sempre crescente di famiglie - ha spiegato l'onorevole Federica Rossi Gasparrini, presidente di Federcasalinghe - è assediato da una comunicazione martellante che spinge verso un sempre maggiore indebitamento. Basti pensare che la pubblicità delle finanziarie è aumentata del 28% negli ultimi anni ed oggi rappresenta un fenomeno sfacciato''.

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

13 luglio 2007

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia