Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

L'isola di Pantelleria si conferma preziosa culla dell'archeologia siciliana

Scoperta nella collina di Cossyria un tempio risalente al periodo romano tra il I a.C. e il I d.C.

11 agosto 2005

Pantelleria si conferma culla dell'archeologia siciliana: nella collina di Cossyria, gli archeologi stanno portando alla luce tre metri e mezzo della parete ovest di un tempio risalente al periodo romano tra il I a.C e il I d.C. Si tratta dello stesso tempio dove nel 2003 sono state trovate le famose teste imperiali di Cesare, Antonina Minore (o Agrippina) e Tito che, dopo un lungo periodo nei musei più importanti del mondo, tornano a Pantelleria in mostra al Castello Barbacane fino al 13 settembre.
''Questa scoperta - dice il soprintendente del mare, Sebastiano Tusa - è di importanza fondamentale perché ci permette di delineare sempre meglio il sito e la tipologia di insediamento al tempo dei romani. Gli scavi inoltre andranno avanti e siamo sicuri di trovare altri frammenti di pareti''.
Il ritrovamento consiste in una parete perfettamente stuccata arricchita da lesene ''accorgimenti architettonici che giocano su delle rientranze - dice Tusa - in uso già presso i sumeri e adottate anche da greci e romani per correggere l'effetto ottico creato dalla parete liscia. Questa scoperta combacia con la tipologia del sito e della roccia: perfettamente levigata, come si richiedeva ad una base dove costruire un tempio''.

Il ritrovamento ''va ad arricchire un quadro archeologico già ricco, come il tempio punico del IV sec a.C - dice Sebastiano Tusa - nell'acropoli di Santa Teresa, dove sono stati scoperti grossi blocchi alti circa 1,20 metri, grosse cisterne di elementi architettonici relativi ad un luogo di culto e vari frammenti che ritraggono figure umane di scuola selintunina''.
Per il soprintendente del mare ad avvalorare l'ipotesi di un tempio ''gioca a suo favore anche la tipologia del sito della scoperta: si trova nella parte alta del centro abitato che le popolazioni del passato usavano per i luoghi di culto. Ma bisogna rimanere con i piedi per terra e continuare con le ricerche e altri rilevamenti''. ''Tutto questo - conclude Tusa - conferma la volontà di istituire un Parco Archeologico di Pantelleria, articolato in quattro aree: Cossyria, Mursia dove c'è l'insediamento preistorico, il Lago di Venere, con resti risalenti punici e romani e Scauri con l'insediamento dell'abitato tardo romano e dove a settembre partirà una campagna per il recupero di un relitto subacqueo. Si aspetta solo l'ok del governo siciliano''.

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

11 agosto 2005
Caricamento commenti in corso...

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia