Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

L'Italia si posiziona al quarto posto in Europa nell’agricoltura biologica

Il Bel Paese fra le nazioni che applicano il ''Codex Alimentare''

11 gennaio 2004
Anche Islanda, Norvegia e Liechtenstein si sono allineati alla normativa comunitaria e partecipano come osservatori ai lavori di gestione in sede di Commissione. E la legislazione europea rappresenta un modello ripetibile anche per Argentina, Australia, Canada, Usa, Israele, Giappone, Svizzera, che hanno adottando o stanno elaborando provvedimenti quadro e sistemi di sostegno.
Tra i Quindici è la Grecia a vantare il primato per ettari certificati 'verdi', seguita dal Regno Unito, dall'Italia e dalla Finlandia. Si tratta di Paesi che hanno applicato con entusiasmo crescente gli indirizzi del Codex Alimentare: aumentare la diversità biologica, accrescere l'attività biologica dei suoli e mantenerne la fertilità: riciclare i rifiuti suscettibili di trasformarsi in concimi naturali; puntare sulle risorse rinnovabili nei sistemi agricoli; promuovere il corretto uso delle risorse; tutelare la qualita' biologica in tutte le fasi di produzione e distribuzione commerciale.

Si tratta di linee guida uniformi ai principi del regolamento comunitario, e che comprendono anche le limitazioni normative sugli ingredienti non agricoli: additivi, aromi, coloranti, minerali. E che regolano anche i divieti all'impiego di organismi modificati e trattamenti ionizzanti. La spiga circondata di stelle, che spicca sul logo comunitario certifica che il prodotto riconosciuto contenga almeno per il 90% ingredienti di origine biologica, che è stato sottoposto ai controlli di legge in tutte le fasi, compreso l'imballaggio e l'etichettatura. L'attività di sorveglianza e ispettiva comincia nelle aziende agricole, attraverso l'applicazione di misure di controllo sull'esecuzione del programma di produzione a livello dei singoli appezzamenti, di una contabilità che consenta la rintracciabilità dei prodotti e, nel caso di animali, della visione integrata dell'allevamento.

Gli altri ambiti sottoposti a sorveglianza dall'autorità comunitaria e nazionale sono quelli relativi alle unità di preparazione delle derrate alimentari, gli importatori, i trasportatori. Ma gli ostacoli alla diffusione dell'agricoltura biologica non sono rappresentati solo dalla severità dei controlli esercitati dalle autorità. Le analisi condotte dalla Commissione a dall'Isfom dimostrano che questo tipo di coltivazione richiede un maggiore apporto di lavoro,imposto dalla richiesta di interventi manuali e meccanici. Ma se la forza lavoro impiegata è piu' numerosa, è però superiore anche il reddito prodotto, salvo in Svizzera dove si registra un -6% di profitto.

Fonte: Ansa

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

11 gennaio 2004
Caricamento commenti in corso...

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Tu piaci a Guidasicilia.
Guidasicilia piace a te?
= Hai già dato il MI PIACE
= Puoi dare ora il MI PIACE