Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

L'ombra della P4 sulla Curia di Trapani

Giallo su una lettera di "raccomandazione" inviata a Luigi Bisignani con firma e timbro dell'arcivescovo Miccichè

04 luglio 2011

Una lettera che sarebbe stata inviata dalla Curia di Trapani al faccendiere Luigi Bisignani, protagonista principale dell'incheista sulla P4, per una "raccomandazione" in Vaticano ha innescato un giallo ancora tutto da chiarire. La missiva che circola, su carta intestata, porta infatti la firma e il timbro del vescovo Francesco Miccichè, ma quest’ultimo la disconosce, sostenendo di non saperne nulla e di non conoscere Bisignani. Potrebbe dunque trattarsi anche di un falso...

La missiva è datata 4 giugno, lo stesso periodo in cui la Santa Sede ha inviato il vescovo di Mazara del Vallo Domenico Mogavero, responsabile Cei per gli Affari giuridici, come visitatore apostolico nella diocesi trapanese. Una sorta di "ispezione" legata ad un’indagine in corso da parte della magistratura relativa ad un presunto ammanco di oltre un milione di euro riguardante alcune fondazioni della Curia trapanese. Ma dietro la decisione del Vaticano vi sarebbero anche motivazioni legate alla gestione pastorale della diocesi che avrebbe provocato profondi dissapori tra il vescovo ed alcuni sacerdoti (LEGGI).
E' proprio in questo clima che si inquadra la lettera che sarebbe stata inviata a Bisignani, che contiene una serie di pesanti apprezzamenti sul provvedimento e sulla gestione del potere nella stanze della Santa Sede. "La pregherei di attivarsi quanto prima in Vaticano - vi si legge, tra l'altro - affinché vada tutto per il meglio, nella solita discrezione che sempre la contraddistingue. Preferisco evitare ogni contatto telefonico e spero di ricevere presto sue notizie che possano rasserenarmi. Nel ringraziarla per il suo intervento, la benedico".
La lettera risulta inviata all’indirizzo di Bisignani, in Piazza Mignanelli 3 a Roma. Al momento non c'è alcuna conferma da parte dei magistrati che indagano sulla P4 circa la presenza del carteggio negli atti dell'inchiesta.

Il vescovo Francesco Miccichè "smentisce categoricamente di aver mai scritto e inviato una lettera al signor Bisignani che non conosce". Così in una nota il prelato di Trapani smentisce la notizia della lettera. Il vescovo aggiunge "di essersi rivolto alla magistratura e di aver sporto immediatamente querela non appena, avvertito da un giornalista che gli aveva chiesto conferma sulla missiva, è giunto in possesso di una copia della lettera inviata via fax dallo stesso giornalista". Nella nota si aggiunge che il vescovo "aveva già chiesto l'intervento della magistratura in seguito alla campagna diffamatoria messa in atto nei suoi confronti nei ultimi mesi".
"Confido - conclude Miccichè - che, grazie all'operato della magistratura, possa finalmente e al più presto, venire a galla tutta la verità su questa vicenda che sta creando un profondo disagio in tutta la Chiesa trapanese".

[Informazioni tratte da ANSA, LiveSicilia, Lasiciliaweb.it]

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

04 luglio 2011
Caricamento commenti in corso...

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia