Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

L'"oro verde" di Bronte "sotto scorta". Il pistacchio Dop, che si sta raccogliendo in questi giorni nelle campagne, è sorvegliato speciale

14 settembre 2011

L'oro verde sotto scorta: è il pistacchio Dop di Bronte, che si sta raccogliendo in questi giorni nelle campagne attorno al paese. Troppo alto il rischio furti: due anni fa ne sono stati rubati ben 300 chilogrammi, così stavolta a tenere d'occhio i campi sono le forze dell'ordine. Un vero tesoro, quello che si produce all'ombra del vulcano: ogni alberello regala circa 20 chilogrammi di frutti, per un totale di circa 30 mila quintali, un anno sì e uno no.
Difficile da coltivare, anche perchè si raccoglie a mano, vale 4 volte di più se già sgusciato. «Viene dal nostro paese - spiega Carmela Sanfilippo, vicepresidente del Consorzio di tutela del pistacchio verde di Bronte, che mette insieme 200 aziende locali - l'1% della produzione mondiale, ed alle pendici dell'Etna crescono varietà uniche, come la Napoletana e la Bianca, dai frutti piccoli ma aromatici».
A essere perlustrati palmo a palmo sono i pistacchieti tra Bronte e Adrano, sorvegliati giorno e notte da polizia, carabinieri, guardia di finanza e guardia forestale, coordinati dai carabinieri di Randazzo. Per la prima volta viene usato anche un elicottero, perchè nessuno possa fare il furbo tra i sentieri impervi della zona. Un'azione decisa in Prefettura, a Catania, durante lo scorso Comitato per l'Ordine e la Sicurezza pubblica convocato dal nuovo prefetto Francesca Cannizzo e richiesto dal sindaco Pino Firrarello.
«Ogni due anni, nel mese di settembre - spiega il sindaco - gran parte della cittadina si trasferisce in campagna, che all'improvviso si popola di produttori e operai. Tutti rimangono nei rustici a servizio dei pistacchieti anche durante la notte, a guardia del prezioso raccolto. Ovvio che questa situazione implichi problemi di sicurezza». Se il paese è quasi deserto, i campi sono pieni di gente. «Abbiamo visto anche l'elicottero - continua Carmela Sanfilippo, impegnata in prima persona nella raccolta - e ci sentiamo più sicuri, anche se il bilancio si potrà fare solo una volta tornati a casa». Tra i momenti caldi della guardia al pistacchio c'è la fase dell'asciugatura - quando i frutti verdi vengono tolti dal mallo, la corteccia esterna, e messi ad asciugare al sole nelle terrazze - ed il trasporto nei sacchi verso le aziende di trasformazione. La scorta terminerà solo tra un mese, quando il raccolto sarà completato e prenderà il via la golosa sagra. [Fonte: Corriere del Mezzogiorno - Italpress]

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

14 settembre 2011
Caricamento commenti in corso...

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia