La città di Catania rimane regina degli appalti

03 novembre 2005

Catania è sempre la città metropolitana italiana largamente più attiva sul fronte degli appalti. Lo rileva una nota del Comune riportando i dati di una ricerca del Sole 24 Ore che fa il punto sulle gare di appalto promosse dalle varie amministrazioni comunali nel periodo gennaio-settembre 2005 grazie a un'inchiesta nazionale realizzata dall'Osservatorio Cresme-Sole 24 Ore. Questa volta, pur dovendo cedere il passo nella classifica generale, alle tre più grandi città italiane, Roma, Milano e Torino, in quella relativa alla spesa pro capite il capoluogo etneo è ancora una volta primo.
Nella classifica generale Catania è preceduta solo dai comuni di Roma (con un incremento del 40,2% rispetto allo stesso periodo del 2004), Torino e Milano (in flessione rispettivamente del 2,65 % e del 2,63 %), la città di Catania coi suoi 160,98 milioni di euro occupa infatti il quarto posto della classifica concernente gli importi messi in gara dalle amministrazioni comunali.
La classifica si modifica notevolmente proporzionando l'importo degli appalti al numero degli abitanti: in questo contesto, coi suoi 308 mila abitanti e una spesa pro capite di 521,93 euro (tre volte più alta di quella rilevata nello stesso periodo dello scorso anno), il comune di Catania conquista il vertice. ''Soddisfazione per questo importante risultato'' è stata espressa da sindaco di Catania Umberto Scapagnini che ha sottolineato ''l'importanza di ricevere dal più autorevole giornale economico italiano un tale riconoscimento per i risultati che sono sotto gli occhi di tutti''.

Fonte: La Sicilia

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

03 novembre 2005

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia