Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine
 Cookie

La denuncia della Cgil: "Persi i soldi del Cipe per le nuove tratte ferrovie siciliane"

03 agosto 2012

Quasi tutti i 1.970 milioni di euro che una delibera Cipe del 2004 destinava al raddoppio ferroviario Catania-Messina sono stati dirottati su altre opere in altre parti del Paese. Il tratto Giampilieri- Fiumefreddo è poi scomparso del tutto dai progetti di Rfi.
Lo denunciamo la Fillea e la Filt Cgil della Sicilia che, con i segretari generali Franco Tarantino e Franco Spanò, sottolineano "una evidente volontà di Rfi e del governo nazionale di abbandonare in questo ambito la Sicilia".

"E un'opera strategica - sottolineano dalla Cgil - da anni al palo per la quale adesso sono pure scomparsi i fondi. Eppure la delibera Cipe che finanzia l'opera non è mai stata revocata. La progettazione però non è mai partita e la mancata convocazione da parte della Regione della conferenza di servizio per trovare l'accordo tra i Comuni interessati ha certamente contribuito a determinare la situazione attuale". Per Fillea e Filt "non ci sono tuttavia alibi per Rfi e governo nazionale, che confermano il disinteresse per la Sicilia". Dei finanziamenti iniziali restano soltanto 500 milioni per il tratto Cefalù - Castelbuono. Fillea e Filt chiedono adesso che "venga fatta chiarezza, che si sappia che fine hanno i fondi destinati alla Sicilia e che possano essere ripristinati per le opere cui erano destinati". [Lasiciliaweb.it]

 

 

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

03 agosto 2012
Caricamento commenti in corso...

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia