La difesa di Ciancimino jr ci riprova

Chiesta per la seconda volta la scarcerazione del "superteste". Ma i pm si oppongono alla richiesta

07 luglio 2011

La difesa di Massimo Ciancimino ci riprova e chiede per la seconda volta la scarcerazione del superteste dell'indagine sulla trattativa, detenuto dal 22 aprile scorso: due diverse istanze, una per l'accusa di calunnia nei confronti dell ex capo della polizia Gianni De Gennaro, l'altra per il possesso di 13 candelotti di dinamite e di 21 detonatori, sono state presentate dagli avvocati Francesca Russo e Roberto D'Agostino.
La Procura di Palermo ha dato parere negativo. Nella richiesta depositata al Gip Fernando Sestito, che già una volta ha detto no alla liberazione del figlio dell’ex sindaco mafioso, gli avvocati hanno sostenuto che Ciancimino avrebbe chiarito la vicenda relativa all’esplosivo trovato nella sua abitazione subito dopo il fermo.

Negli ultimi interrogatori il presunto testimone della trattativa tra Stato e mafia, cambiando versione, ha raccontato di avere avuto la dinamite a scopo intimidatorio da uno sconosciuto, a Bologna, e di averla portata a Palermo in auto. Parte dei candelotti sarebbe stata sepolta in giardino; il resto l’avrebbe dato a un amico, Giuseppe Avara, pure lui indagato, che gli avrebbe detto di essersene disfatto.
Una storia diversa da quella riferita inizialmente da Ciancimino che aveva detto di avere avuto i candelotti a Palermo da un uomo che glieli avrebbe recapitati a casa. Il figlio dell’ex sindaco mafioso è stato messo a confronto con Avara, ma le versioni dei due, divergenti sin dall’inizio dell’indagine, continuano a non essere compatibili. Ciancimino insiste nel riferire che l’amico gli disse di averlo buttato in mare il pacco, Avara sostiene di avere raccontato a Ciancimino di avere gettato l’esplosivo in un cassonetto.
Dei candelotti mancanti, comunque, non è stata ancora trovata traccia. Per i pm dunque Ciancimino non avrebbe ancora detto tutto quello che sa della vicenda, tanto che sarebbero ancora molti gli elementi da chiarire: valutazione che ha indotto la Procura a dare parere negativo alla liberazione. Sull’istanza il Gip deciderà nei prossimi giorni.

[Informazioni tratte da AGI, ANSA]

- Ma come si fa a credere a quest'uomo? (Guidasicilia.it, 18/06/11)

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

07 luglio 2011

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia