La Gdf sequestra beni per 20 mln a due fiancheggiatori di boss

Imprenditori in "odor di mafia" e la "messa a posto" con Cosa Nostra

06 dicembre 2010

Beni per un valore complessivo di 14 milioni di euro sono stati sequestrati dalla Guardia di Finanza del Comando provinciale di Palermo a Giuseppe Libreri, di Caccamo (PA) arrestato nel settembre del 2002 con l'accusa di far parte della famiglia mafiosa di Termini Imerese e di avere favorito la latitanza del capo mandamento di Caccamo, Antonino Giuffrè, oggi pentito di mafia.
Libreri avrebbe curato, secondo gli inquirenti, anche la "messa a posto" delle imprese che operano nella zona. E' stato condannato a cinque anni di reclusione. Il provvedimento di sequestro, disposto dalla sezione misure di prevenzione del tribunale, riguarda 15 beni immobili, tra terreni e ville, due società, cinque autovetture e conti correnti bancari.
Beni per complessivi sei milioni di euro sono stati sequestrati a un imprenditore ritenuto in odor di mafia. Si tratta di R. M., 46 anni, residente a Torretta (PA), arrestato con altre tredici persone il 30 luglio del 2007 nell'operazione antimafia 'Passo di Rigano'. Secondo gli investigatori, "in qualità di privato imprenditore, avrebbe agevolato il controllo e la gestione degli appalti pubblici da Cosa nostra e in particolare, dell'articolazione territoriale di Torretta e del suo reggente Vincenzo Brusca".
A R.M, "ritenuto concorrente esterno all'associazione criminale", dicono le Fiamme Gialle, è stata contestata l'effettuazione di una rilevante operazione imprenditoriale, consistente nell'acquisto, lottizzazione e successiva edificazione, di un terreno in contrada Falconieri - nel comune di Torretta - "in piena intesa con la famiglia mafiosa e, in particolare, con Vincenzo Brusca", al quale il R.M. si sarebbe rivolto per la soluzione di questioni burocratico-amministrative derivanti dalla irregolarità e incompletezza delle concessioni edilizie necessarie e a cui avrebbe anche rimesso ogni decisione circa le ditte che dovevano effettuare i lavori e le necessarie forniture al cantiere (cemento, ferro, ecc.). Nel 2008 R.M. è stato condannato a cinque anni di carcere dal gup di Palermo. [Adnkronos/Ing]

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

06 dicembre 2010

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia