Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

La giornalista di ''Liberation'', Florence Aubenas, è stata liberata dopo 157 giorni di sequestro in Iraq

Florence Aubenas è stata liberata sabato scorso, insieme alla sua guida-interprete Hussein Hanoun

13 giugno 2005

Dopo pochi giorni dalla liberazione di Clementina Cantoni, è arrivata la notizia della liberazione di Florence Aubenas Hussein Hanoun, la giornalista di ''Liberation'' e la sua guida-interprete, rapiti in Iraq il 5 gennaio scorso.
Florence Aubenas, molto dimagrita ma in buona salute, è arrivata ieri nella sua Francia dopo cinque mesi di buio e di prigionia: la giornalista di Liberation rilasciata dai suoi rapitori l'altro ieri è stata accolta con calore dal presidente della Repubblica, Jacques Chirac, il primo ad avvicinarsi a lei, e dai suoi familiari.
''Mi sento molto meglio - ha detto, fermandosi brevemente a chiacchierare con i tanti cronisti presenti - desidero ringraziare tutti quelli che hanno combattuto per me: senza di voi, adesso non sarei qui. Dal primo giorno ho pensato alla liberazione, ogni tanto potevo guardare la tv. Quando si parlava di me, i rapitori commentavano: ecco, l'obiettivo è raggiunto. Ma davanti alle manifestazioni di solidarietà nei miei confronti, mi sono pentita di non averne fatte abbastanza in passato''.

Sui dettagli della sua lunga e difficile prigionia, Aubenas terrà martedì una conferenza stampa. Ma qualcosa la giornalista l'ha già detta: ''Sono stata tenuta con Hussein (il suo traduttore rapito insieme a lei) in una cantina, accovacciata, con gli occhi bendati e i piedi e le mani legati'', ha raccontato. Sottolineando che le condizioni della sua prigionia sono state ''dure''.
Ricordiamo che la giornalista di Libération e la sua guida-interprete erano stati sequestrati a Bagdad il 5 gennaio scorso. Aubenas, 44 anni, da diciotto a Liberation come inviata nei luoghi più caldi del globo, era arrivata in Iraq per un'inchiesta sulla sorte della popolazione di Falluja costretta a fuggire dopo l'assalto delle truppe statunitensi contro una delle roccheforti della ribellione sunnita. Insieme con il suo interprete e guida, fu rapita all'uscita del suo albergo di Bagdad.

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

13 giugno 2005
Caricamento commenti in corso...

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia