La Keller non chiuda lo stabilimento di Carini (PA)

L'Assemblea regionale siciliana ha approvato una risoluzione per evitare la chiusura e il licenziamento di 204 operai

05 agosto 2010

Ieri la commissione Attività produttive dell'Assemblea regionale siciliana ha approvato, all'unanimità, una risoluzione che impegna il governo della Regione a chiedere alla proprietà della Keller di evitare la chiusura dello stabilimento e all'azienda di Carini (PA) e di revocare la mobilità avviata dal 2 agosto per 204 lavoratori.
"In questo momento - ha detto Salvino Caputo, presidente della commissione - in cui vi è un dialogo aperto tra governo, sindacati e azienda, la Keller non può procedere unilateralmente ad attivare le procedure di mobilità dei dipendenti e chiudere uno stabilimento".
"Chiediamo alla Keller di sospendere immediatamente le procedure per la messa in mobilità dei 204 dipendenti dello stabilimento di Carini - ha detto Marco Venturi, assessore regionale alle Attività produttive che ha stigmatizzato anche l'assenza dei rappresentanti dell'azienda alla riunione di ieri -. Ai tavoli istituzionali non bisognerebbe mancare".

Secondo il vice presidente della commissione attività produttive all'Ars, Pino Apprendi, che ieri mattina ha partecipato all'incontro con i dirigenti della Keller, "c'é l'urgenza di ripristinare le regole, l'azienda deve ritirare le lettere di mobilità inviate ai dipendenti e dare seguito agli accordi presi con la Regione e contenuti in un verbale redatto tra le parti presso il tavolo costituito in assessorato attività produttive". Per Apprendi "a questo punto è necessario che sulla vertenza si pronunci con una parola chiara il presidente Lombardo che ha dato il via libera all'acquisto della Tirrenia in società con gruppo Busi, lo stesso gruppo che ha deciso di chiudere lo stabilimento di Carini. Non si capisce come sia possibile fare affari con tali imprenditori che non esitano a stralciare impegni precedentemente assunti nelle sedi competenti". "Il verbale redatto in commissione qualche tempo fa - ha precisato Apprendi - prevedeva infatti il rilancio della Keller con l'arrivo di nuove commesse mentre invece stiamo andando in una direzione del tutto opposta".

"Bisogna portare la vertenza Keller su un piano nazionale, chiedendo al ministero per lo Sviluppo economico di aprire un tavolo per salvare lo stabilimento di Carini e tutelare i 204 lavoratori - ha detto Antonello Cracolici, presidente del gruppo PD - La situazione attuale si è determinata perchè negli anni si sono succeduti una serie di 'imprenditori-camaleonti' sostenuti dai governi nazionali".

[Informazioni tratte da Ansa, La Siciliaweb.it]

- Una volta il simbolo del rilancio industriale... (Guidasicilia.it, 03/08/10)

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

05 agosto 2010

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia