La migliore scuola del nord dell'Afghanistan è l'Istituto femminile ''Maria Grazia Cutuli''

Sotto i talebani l'istruzione femminile era proibita. Oggi, pur con molte difficoltà, sperare è possibile

19 novembre 2005

Maria Grazia Cutuli aveva una grande passione per l'Afghanistan. In quella Terra cercava le verità per raccontarle, perché raccontare le verità avrebbe ridato dignità a chi quella Terra la abitava.
In quella Terra a Maria Grazia Cutuli hanno tolto la vita, e nella stessa Terra hanno a lei dedicato una scuola, che è come averle dedicato la speranza nel futuro dell'intero Paese...

«Scuola Cutuli», dove le bimbe tornano a sperare
di Andrea Nicastro (Corriere.it)

''Dokhtar'', ''dokhtar'' le gridano dei ragazzacci prima di nascondersi dietro un muretto di fango. Lei è senza burqa. Unica in tutta Maimana. ''Mi chiamano dokhtar, (zitella), per offendermi - spiega Gulalay -. Ma è vero. Quindi perché dovrei prendermela? Sono la prima di dieci figli. Non avevo scelta''. Zitella e orgogliosa di esserlo, una rarità in Afghanistan, Gulalay, 62 anni, è la preside dell'Istituto femminile di Maimana Est. Chiuso come ogni altra scuola femminile durante l'Emirato talebano del mullah Omar, tre anni fa è stato ristrutturato e ampliato dall'italiana Intersos con i denari di Hdp, Rcs, Fondazione Bnc e intitolato a ''Maria Grazia Cutuli'', la giornalista catanese del Corriere uccisa durante la liberazione del Paese il 19 novembre 2001.
C'è un cartello dipinto a mano in inglese e farsi all'ingresso della scuola che ricorda la donazione e la ragazza italiana. ''Pochi qui conoscono la storia della vostra giornalista - ammette Gulalay -, ma tante donne le sono vicine perché siamo state tutte vittime dei talebani. Come lei''.

Per gli standard afghani, l'Istituto ''Cutuli'' è un gigante con 4 mila allieve tra i 6 e i 19 anni e 117 insegnanti di cui solo 4 uomini (per l'«ora di religione»). Da quando è stata ristrutturata, con i banchi quasi ovunque, i vetri alle finestre, il tetto che non perde acqua e un sussidio extra budget di una moneta locale per ogni bimba (in totale circa 70 euro al mese), la ''Cutuli'' è diventata la miglior scuola della zona, quella dove tutti vogliono andare. Ora si insegna dalle 6 del mattino alle 18 di sera. ''Se oggi la Cutuli intervistasse il presidente Karzai - ipotizza Gulalay - gli dovrebbe porre due domande. Perché non aiuta la scuola che è il fondamento del futuro. E perché non protegge la gente, soprattutto noi donne, dai signori della guerra che ancora spadroneggiano sull'Afghanistan. Io sono vecchia, ma le mie colleghe e anche le allieve appena cresciute indossano il burqa come ai tempi dei talebani. Non è più un obbligo, ma ancora una protezione''.

Maimana è ''provincia profonda'', capoluogo del Faryab, cittadina di fango, senza fognature, senza elettricità, com'è la regola in Afghanistan. Ma è nel nord uzbeko, quadrante relativamente tranquillo. Non ci sono bombardamenti americani né incursioni talebane. Da qui si controlla parte del flusso di eroina che viaggia verso l'Europa ed è chiaro chi comanda: il generale Rashid Dostum. Su 8 candidati eletti a settembre al nuovo parlamento, almeno 5 sono suoi simpatizzanti.

La preside cammina veloce tra una classe e l'altra. Ecco Sarishta, una ragazzina che ha incrociato senza saperlo la sua vita con quella di Maria Grazia anche prima di entrare a scuola. ''Quando i talebani conquistarono Maimana - racconta la bimba - avevo 8 anni. Ricordo che saccheggiavano i beni di noi uzbeki e cercavano maschi da arruolare''. Di quella conquista Maria Grazia, che di anni allora ne aveva 36, scriveva sul Corriere: ''si è combattuto strada per strada... quartieri interi sono in fiamme, decine di case distrutte''. Non conosceva Sarishta, ma stava raccontando anche della sua casa. ''I Taleb - dice la ragazzina - trovarono un mio fratello quindicenne anche se si era travestito da donna. Per punirci, distrussero la casa e lo arrestarono. Mio padre caricò il nostro asino e fuggimmo nella steppa. Facemmo la fame. Non avrei mai immaginato di poter tornare a scuola''.
Khasiat, 49 anni, è insegnante alla ''Cutuli''. ''Non ci sono libri di testo - spiega -. Quaderni, penne e matite sono a carico delle famiglie. Ma quel che conta è che imparino''.
Il bianco e nero di molti disegni delle bimbe non è una scelta di stile, ma una necessità. ''Nessuna delle bimbe riesce neppure ad immaginare di diventare una giornalista come la Cutuli - dice Francesca Ballarin, psicologa di Intersos -. Al massimo pensano di fare le dottoresse. Con il permesso di papà. Ci vorrà tempo e uno sviluppo diverso per certe ambizioni. Ma intanto studiano''.

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

19 novembre 2005

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia