Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

La piccola Shafà, un'irachena di 10 anni, in Sicilia per ''guarire'' dalla guerra

La guerra è entrata nella stanza di Shafà

25 agosto 2005

Shafà ha dieci anni e vive in Iraq, nella provincia di Dhi Qar, sulle sponde dell'Eufrate, a pochi chilometri da Nassiriya. Pochi giorni fa la guerra si è infilata in casa sua, nella sua stanza mentre dormiva. Un proiettile vagante l'ha colpita e lei è rimasta con le gambe paralizzate. Il proiettile, probabilmente di una mitraglietta, è arrivato a intaccare il midollo spinale, provocando la paralisi.
La piccola Shafà è stata soccorsa dai militari italiani, che si trovano proprio in quella zona, e con l'aiuto della Croce Rossa e attraverso i canali internazionali del Ministero della Difesa è stata portata in Sicilia.

Shafà è arrivata al Policlinico di Messina, accompagnata dal padre. Qui è stata affidata all'equipe del reparto di Neurochirurgia diretta dal prof. Francesco Tomasello, che hanno compiuto una serie di esami clinici. I primi risultati hanno fatto nascere una forte speranza per la sorte della piccola Shafà: pare infatti che la zona di midollo intaccata dal proiettile non sia del tutto irrecuperabile, quindi non è escluso che Shafà ritorni a camminare.
La speranza nasce dalle dirette parole del prof. Tomasello: ''Entro questa settimana - ha spiegato alla stampa - dovremmo completare le indagini diagnostiche; nel corso della prossima predisporremo tutto per intervenire chirurgicamente e quindi rimuovere il proiettile. Questo ci consentirà di fare una risonanza magnetica per vedere le condizioni del midollo spinale. Comunque si può già anticipare - ha aggiunto - che una parte rilevante del trattamento di questa condizione sarà la riabilitazione e la rieducazione''.

L'ospedale di Messina, con la presenza di Shafà è diventato un luogo di speranza, dove tutte le barriere saltano in virtù della vita e della pace. All'inizio c'è stato ovviamente anche un grande problema di comunicazione tra la bimba, il padre e l'equipe medica messinese, ma è stato risolto brillantemente e in breve tempo, anche perché in casi come questi è fondamentale un dialogo il più possibile corretto tra paziente e sanitari: gli interpreti sono dal giorno del suo ricovero alcuni medici arabi, che si trovano attualmente a Messina, dove al Policlinico stanno frequentando alcuni corsi di specializzazione.

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

25 agosto 2005
Caricamento commenti in corso...

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia