La protesta che vince

I lavoratori dell'Anfe regionale di Enna hanno sospeso lo sciopero della fame

09 dicembre 2013

I dipendenti Anfe regionale di Enna, sabato hanno sospeso lo sciopero della fame dopo il successo della loro protesta, una protesta che, anche grazie all’aiuto ed alla partecipazione attiva di "tutti" i colleghi delle sedi regionali, ha costretto l’amministrazione siciliana ad uscire allo scoperto e ad emettere gli atti necessari, per lo sblocco di una parte (solo qualche mese dei 10 spettanti) delle retribuzioni pregresse.
I lavoratori, con le proprie forze e senza l’appoggio di "primedonne", hanno ottenuto il rispetto di quella legalità tanto sbandierata dal Governatore Crocetta ma mai attuata.

L’amministrazione ed il Governo non possono più fare finta di nulla; tutte le scelte sin qui messe in campo si sono rivelate fallimentari a partire dalla bocciatura del TAR riguardo l’articolo che annullava il diritto di difesa da parte degli enti, alla reale illegittimità dei passaggi di ore corsuali e milioni di euro a strutture in House come il Ciapi, preludio di una dittatura della fame che utilizzerebbe i lavoratori come merce di scambio con contratti a tempo determinato in barba al CCNL di categoria e da ultimo la grande corsa per emettere i decreti di pagamento, un provvedimento tampone che non risolve il grave stallo in cui il Governo Crocetta ha impantanato il mondo della formazione.

I lavoratori Anfe di Enna richiedono inoltre l’immediato pagamento della integrazione sulla cassa integrazione 2012 che la Regione non ha ancora onorato ma che deve immediatamente effettuare non oltre mercoledì 11/12/2013.
I lavoratori dell'Anfe di Enna dicono infine: Quello che ci fa male è constatare che in Sicilia, come in quella fiaba accada che... il Re giri nudo e nessuno abbia il coraggio di farglielo notare.
Quale credibilità possono avere queste persone?
Ribadiamo il nostro invito ai lavoratori a disertare le primarie del Pd ed a revocare la propria delega da ogni sindacato. Non si baratta la propria dignità per un posto di potere.
Siamo pronti in ogni momento a riprendere la protesta per la salvaguardia dei nostri diritti e della legalità.

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

09 dicembre 2013

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia