La ''Ricerca'' nelle Imprese Siciliane produce magnificamente invenzioni e brevetti

Cervelli siciliani in continua attività: dalle bottiglie in Pet nel calcestruzzo, agli allevamenti di storioni

26 novembre 2003
Bottiglie di plastica in Pet riciclate come conglomerato nel calcestruzzo utilizzato per costruire i solai degli edifici. È una delle scoperte di uno dei 90 giovani ricercatori siciliani che, utilizzando apposite "borse di ricerca" assegnate da Sintesi su un fondo Por Sicilia, hanno svolto tesi all'interno di altrettante aziende siciliane.

L'obiettivo raggiunto è stato quello di definire nuovi prototipi e di migliorare produzioni esistenti. Adesso il Gruppo Ricerca e Sviluppo di Assindustria, guidato da Francesco Paolo La Mantia, si occuperà di ottenere i finanziamenti statali e regionali per passare da prototipi e brevetti alla fase della produzione industriale.

Così, oltre a risolvere il problema dello smaltimento delle bottiglie di plastica che invadono il pianeta, i giovani ricercatori siciliani, d'intesa con le tre università di Palermo, Catania e Messina e con Confindustria Sicilia, hanno scoperto, fra l'altro, come rendere stabile l'elettricità prodotta da un generatore trifase alimentato da fonti energetiche rinnovabili; come utilizzare il niobato di litio per aumentare la potenza delle reti di ottica integrata e della trasmissione dati; come non disperdere le vitamine nella produzione di succo di fico d'india; come creare le condizioni ottimali per avviare in Sicilia allevamenti di storioni, unico caso nel Mezzogiorno.

Fonte: Aise

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

26 novembre 2003

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia