Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

La scomparsa di Ettore Majorana

Il nipote del fisico catanese scomparso nel 1938: ''La riapertura del caso? Sono scettico dopo 73 anni''

04 aprile 2011

Ettore Majorana junior, nipote del fisico scomparso 73 anni fa, si dice "scettico" sulla riapertura del caso. Interpellato dall'Adnkronos, Ettore Maiorana jr. afferma: "sono pronto a considerare le prove che la Procura sostiene di avere in mano, ma dopo così tanti anni ho parecchie perplessità". Non che il nipote 50enne del fisico non abbia fiducia nelle istituzioni. Tutt'altro. "Attendiamo di vedere gli sviluppi - dice senza celare la sua perplessità - ma immagino che se mio zio fosse ancora vivo avrebbe già dato qualche traccia di sé. Non ebbe mai uno screzio con la famiglia, perché lasciarci così?".

Il nipote di Ettore Majorana, negli anni, si è fatto un'idea della scomparsa dello zio. "La sua fu una sparizione volontaria - ragiona -. Di fatto si tratta di un suicidio anche se non è mai stata trovata traccia della sua persona. Penso si sia trattato di un suicidio a tutti gli effetti". Ettore Majorana jr ricorda alcuni scritti che vennero trovati all'indomani della scomparsa: "in uno di essi lasciò scritto 'il mare mi ha rifiutato'".
Una conclusione a cui il nipote del fisico è giunto anche dopo le varie ricerche fatte dalla famiglia. "Lo cercammo ovunque - racconta - anche in convento perché mio zio era cattolico. Dubito che avrebbe accettato una vita di clausura ma si e' fatto anche questo tentativo". Andato a vuoto.
Dice Ettore Majorana junior: "Un uomo come mio zio che scompare volontariamente, salvo impazzimento - e non lo credo - avrebbe lasciato una qualche traccia". La storia della sua sparizione ricorda molto quella di Federico Caffè. "Ecco - dice il nipote - mio zio era esattamente come Caffè: una persona normale, di poche parole, non disposto a scendere a compromessi. Ma se fosse ancora vivo ci avrebbe dato segnali".

La Procura di Roma giudica "credibile" il testimone che ha determinato la riapertura del caso dopo oltre 70 anni: "la Procura non mi ha ancora fatto sapere niente. Non so nemmeno se sono tenuti a farlo. Staremo comunque a vedere ma come si fa ad avere certezze dopo 73 anni? - insiste -. Oggi Ettore Majorana avrebbe 90 anni. Perché non ricordarlo per il bel lascito che ha fatto alla scienza, per la sua vita ineccepibile con un finale drammatico?", conclude il nipote del fisico infastidito, come dice, da quei tanti "majoranisti (biografi e scrittori del fisico, ndr) che hanno scritto così tante cose su di lui tranne che una verità sostenibile". [Adnkronos/Ing]

- Si riapre il caso della scomparsa di Ettore Majorana (Guidasicilia.it, 02/04/11)

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

04 aprile 2011
Caricamento commenti in corso...

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia