La Sicilia e le rivolte nel mondo arabo

L'Isola potrebbe ritrovarsi al centro di tensioni e di conflitti, anche devastanti

21 febbraio 2011

LA SICILIA E LE RIVOLTE NEL MONDO ARABO
di Agostino Spataro

Nulla possono la politica, la diplomazia contro la meteorologia: con la bonaccia, infatti, sono ripresi gli sbarchi di clandestini dalla Tunisia verso Lampedusa.
E' questo un risvolto diretto delle rivolte arabe, soprattutto nordafricane, che ha provocato in Sicilia una nuova emergenza che mette a dura prova le strutture d'accoglienza e le miopi politiche migratorie del governo Berlusconi. Per altro, è prevedibile che l'esodo si estenda a Egitto, Libia, Algeria.
Insomma, una fuga di massa che è una prima avvisaglia di un più grande dramma sociale e politico che, secondo gli esiti politici delle rivolte, potrebbe infiammare le sponde sud ed est del Mediterraneo.

La Sicilia potrebbe ritrovarsi al centro di tensioni e di conflitti, anche devastanti, per la ridefinizione degli assetti dei poteri in queste regioni vitali del mondo, in aderenza ai nuovi equilibri della globalizzazione. Perché, a occhio e croce, di questo si tratta. In quest'area, infatti, insistono grandi risorse energetiche, fenomeni ideologici irriducibili (islamismo radicale e terroristico) e conflitti sanguinosi che sembrano essere divenuti insolubili, fra cui quello israelo-palestinese che, presto, potrebbe ri-diventare arabo-israeliano.
In caso di estensione di tali conflitti la Sicilia potrebbe restarne coinvolta. Direttamente. Per la sua prossimità geografica e per essere divenuta la piattaforma più avanzata degli Usa e della Nato proiettata verso gli scacchieri mediterraneo e mediorientale.
Non è un mistero svelato, oggi, da WikiLeaks (l'abbiamo già scritto in "la Repubblica" del 6/5/2005) che a Sigonella sono concentrate le più sofisticate capacità Usa di dispiegamento rapido per la cosiddetta "lotta al terrorismo". Scenari terribili si possono, dunque, avverare e trovare impreparate l'Italia e l'Europa le quali, a differenza degli Usa, non hanno elaborato verso questi paesi una dottrina unitaria, una politica autonoma di pace e di cooperazione reciprocamente vantaggiosa.


Zine El-Abidine Ben Ali

Ma torniamo all'emergenza emigrazione che, in pochi giorni, ha visto sbarcare in Sicilia quasi 6.000 persone; un dato allarmante e anche un po' strano poiché non si capisce come mai da un paese finalmente liberato i giovani fuggano invece di restare per ricostruire l'economia e consolidare la democrazia.
Evidentemente, qualcosa non quadra in queste "rivoluzioni incompiute" che hanno detronizzato i rais, ma lasciato il potere ai loro colleghi militari e agli esponenti dell'ancien regime.
I siciliani hanno accolto con spirito umanitario la nuova ondata migratoria, tuttavia non hanno gradito la volontà del governo di concentrare nell'Isola i flussi in arrivo. Diversi sindaci, specie quelli di Lampedusa, Mineo e Caltagirone, hanno espresso alcune comprensibili preoccupazioni. Ovviamente, il disagio non è solo locale, ma riguarda l'intera Sicilia che certo non può fronteggiare, da sola, un'emergenza di dimensioni nazionale ed europea, nemmeno con gli aiuti promessi. Questo - a me pare - il punto politico principale su cui la Regione deve puntare i piedi.
Un'insistenza sospetta quella del governo delle "eterne emergenze" nelle quali - sappiamo - anche i sentimenti più genuini vengono travolti da manovre e interessi spudorati. Specie se in ballo ci sono contratti milionari che facilmente accendono appetiti affaristici e clientelari. Come quelli che si profilano con l'operazione "Villaggio della Solidarietà" di Mineo dove Berlusconi e Maroni vorrebbero concentrare sette mila rifugiati regolari. Una proposta che farà la gioia del cavaliere Pizzarotti, ma non quella dei sindaci della zona e delle stesse associazioni dei profughi che la considerano un marchingegno, per altro molto costoso, che, invece di favorire l'integrazione, isolerebbe i rifugiati in una sorta di ghetto a quattro stelle.


Hosni Mubarak

Come mai una proposta simile non è stata avanzata a una regione del Nord dove i profughi e gli immigrati desiderano vivere? Forse per tenerli lontano dalla "padania" ed evitare problemi elettorali alla Lega?
Solo così si può spiegare tanta sospetta benevolenza nei confronti dell'Isola e degli immigrati che è un'amara conferma del ruolo subalterno assegnato all'Isola nella prospettiva strategica dell'Italia.
Anche in questo caso, si riscontrano un approccio detestabile e un'iniqua suddivisione dei ruoli derivati dallo sviluppo del paese: i benefici, il valore aggiunto al centro-nord, le conseguenze negative, i problemi al sud, in Sicilia. Gli esempi sono tanti, antichi e recenti. Valga per tutti l'anomalia degli scambi commerciali con i Paesi arabi rispetto ai quali le regioni del centro-nord sono le principali esportatrici di beni e servizi, mentre la Sicilia si deve far carico dell'importazione di enormi e inquinanti quantitativi d'idrocarburi, destinati a incrementarsi con la costruzione dei due rigassificatori.
Spiace rilevarlo, ma la concentrazione nell'Isola di questa massa d'immigrati e di rifugiati ha tutto il sapore di una nuova azione discriminatrice e, anche, un po' razzistica.


Mu'ammar Gheddafi

 

 

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

21 febbraio 2011

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia