La Sicilia recepisca la normativa nazionale sull'enoturismo

Gli imprenditori fanno presente la necessità di mettere in campo nuovi strumenti e nuove opportunità

21 marzo 2018
La Sicilia recepisca la normativa nazionale sull'enoturismo

La necessità di mettere in campo nuovi strumenti e nuove opportunità, anche recependo la recente normativa nazionale sull'enoturismo è stata sottolineata da Renato De Bartoli, ad di Baglio di Pianetto, nel corso del suo intervento all'incontro "La Sicilia che sarà" che si è svolto a Roma nella sede della Stampa estera.
"Oggi il sistema vino in Sicilia - ha osservato De Bartoli - vive una nuova sfida evolutiva e che non è più centrata sul fronte della qualità dei vini, oramai scontata, bensì sulla capacità di evocare gli elementi distintivi e originali che sono il nostro valore aggiunto: ovvero la terra e tutto ciò che essa riesce ad imprimere, in termini di biodiversità, di comunità e pratiche agricole ma soprattutto in cultura e paesaggio".
L'imprenditore vinicolo ha ricordato che "grandi flussi di appassionati turisti del vino tutto l'anno raggiungono questi territori per vivere un'esperienza diretta, un'immersione nella cultura del vino e in tutto ciò lo rende unico e irripetibile". "Bisogna crederci - ha concluso De Bartoli - e sviluppare una coesistenza tra più filiere e più soggetti economici, condensando più mondi e culture imprenditoriali. La Sicilia che sarà, non può fare a meno delle sue radici - la terra e il lavoro del contadino - e nemmeno dei suoi sogni, quelli che la immaginano tra le terre degne di un paradiso terrestre". [Fonte: Travelnostop Sicilia]

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

21 marzo 2018

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia