Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine
 Cookie

La Valtur di oggi non ha niente a che fare con Matteo Messina Denaro

Valtur: "È vergognoso l'accostamento del nome di Matteo Messina Denaro al marchio"

20 gennaio 2023
La Valtur di oggi non ha niente a che fare con Matteo Messina Denaro
  • Hai una struttura ricettiva o un'attività turistica che vuoi rendere visibile? Fallo ora gratuitamente - CLICCA QUI

La società è l'attuale proprietaria del marchio registrato "VALTUR" che si è aggiudicato, in data 4 luglio 2018, a seguito di gara ad evidenza pubblica, non ci sta a vedere il proprio nome collegato a quello di Matteo Messina Denaro, arrestato nei giorni scorsi a Palermo. Spiacevole circostanza che diversi organi di stampa, in questi ultimi giorni, nella spasmodica ricerca di notizie sul boss, hanno messo in atto tirando fuori cronache risalenti a molti anni fa.

L'accostamento del marchio Valtur, di proprietà di Nicolaus Tour s.r.l., alle vicende giudiziarie che hanno coinvolto Matteo Messina Denaro e il collegamento tra il predetto soggetto e il suo patrimonio sottoposto a sequestro, lede gravemente ed ingiustamente il diritto all'immagine della azienda Nicolaus Tour e del marchio Valtur, totalmente estranei ai fatti di cronaca riportati.

Per questo motivo è doveroso pubblicare il comunicato stampa redatto da Giuseppe Pagliara, Amministratore Delegato del Gruppo Nicolaus - Valtur.

Messina Denaro/Valtur: "Vergognoso accostamento al marchio"
"Accostare in maniera irrispettosa ed errata Matteo Messina Denaro al marchio Valtur, senza specificare che si fa riferimento al periodo in cui il brand apparteneva alla famiglia Patti, cioè circa 25 anni fa, non equivale solamente ad effettuare una comunicazione pericolosa e totalmente fuorviante ma è fortemente lesivo e dannoso per la proprietà attuale, il Gruppo Nicolaus, azienda solida e dalla reputazione specchiata, che dà lavoro a migliaia di persone ed è un'eccellenza dell'imprenditorialità italiana, stimata su scala internazionale.

Ribadiamo, quindi, con forza che le vicende che vedono associare il nome del capomafia a Valtur risalgono, come precedentemente detto, a circa venti-trenta anni fa e che l'acquisto del marchio Valtur da parte del Gruppo Nicolaus, family company italiana leader del turismo organizzato, è avvenuto nel luglio 2018, da procedura concorsuale che ha interessato la gestione del finanziere Andrea Bonomi, con lo spirito e l'ambizione di ridare il giusto lustro a uno dei marchi per eccellenza del turismo nazionale e internazionale. In questi anni, anche in relazione all'acquisto del brand, è stato messo in campo un notevole sforzo economico e imprenditoriale con la finalità di portare con successo a termine un'impresa che riesce anche a dare prestigio al nostro Paese.

Chiediamo, pertanto, con fermezza a tutti i media di lavorare secondo i principi deontologici che sempre li guidano, e che mettono al primo posto di una notizia il canone di continenza e la sua attendibilità e veridicità. Il danno nei nostri confronti e nei confronti di partner e collaboratori generato dalle notizie di stampa diffuse in questi giorni è enorme sia in termini economici sia dal punto di vista della reputazione. Una buona notizia come l'arresto di un latitante non può ingiustamente infangare chi non ha alcun legame con esso e ogni giorno si impegna per lavorare onestamente e fa quotidianamente della legalità un pilastro della propria cultura aziendale".

Giuseppe Pagliara
AD Gruppo Nicolaus - Valtur

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

20 gennaio 2023
Caricamento commenti in corso...

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia