Lasciate che gli studenti vadano (evangelicamente) all'assessore Granata

Il titolate della Pubblica Istruzione chiede il dialogo con i giovani

06 marzo 2003
"Aver caparbiamente voluto dire la nostra su complesse vicende della scuola, è stata da parte del nostro governo una dimostrazione di interventismo che, tra qualche contraddizione, siamo certi contribuirà a dare il giusto sostegno alla scuola pubblica statale siciliana".

Così ha commentato l'assessore alla Pubblica Istruzione Fabio Granata, nei giorni successivi allo svolgimento degli Stati Generali della scuola in Sicilia.

Per Granata "gli Stati Generali, pur tra qualche limite organizzativo, hanno creato l'occasione di una pressione lobbistica positiva della scuola siciliana nei confronti di alcuni provvedimenti penalizzanti voluti dal Ministero".

"Insieme al governatore Cuffaro - aggiunge Granata - chiediamo solo una cosa: quando un dirigente ci accusa di non aver riconosciuto un corso di nuova istituzione o quando il personale Ata protesta per i tagli agli organici (e in tanti altri casi analoghi), bisogna ricordare che noi ci sforziamo di contribuire a soluzioni di problemi non di nostra competenza, ma che insieme creano la miscela sociale esplosiva".

"Alla parte del movimento studentesco più radicalmente antagonista - ha concluso Granata con un appello - rivolgo un invito al dialogo partendo dall'idea di scuola che ha fatto propria questo governo regionale e non da quella che loro immaginano: una scuola nella quale pluralismo, concretezza, orgoglio della nostra identità e allo stesso tempo apertura al nuovo ed al diverso, costruiscano le premesse di una Sicilia migliore".

Fonte: La Sicilia

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

06 marzo 2003

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia