Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

Laurea e lavoro non vanno più a nozze

La transizione verso il mercato del lavoro si è fatta più difficile anche per i laureati

12 settembre 2012

Aumentano i laureati in Italia, e sono soprattutto donne, ma i numeri restano sotto le medie Ocse e la transizione verso il mercato del lavoro si è fatta più difficile anche per i giovani con il massimo grado di istruzione.
È lo scenario tracciato dall'Ocse nel rapporto "Education at a Glance" ("Uno sguardo sull'istruzione"), pubblicato come ogni anno alla ripresa dell'anno scolastico e accademico nei Paesi che aderiscono all'Organizzazione.

I laureati in Italia sono il 15% della popolazione, percentuale che tuttavia è la metà della media Ocse (31%) e pone l'Italia al 35esimo posto su 41 Paesi. Nella fascia d'età 55-64 anni solo l'11% della popolazione ha una laurea in Italia, ma la percentuale sale al 21% tra i 25-34enni, grazie all'introduzione della laurea breve e l'Ocse prevede che il 'gap' rispetto alla media Ocse (38%) si ridurrà nel prossimo decennio. Nel 2010, del resto, quasi un giovane su due (49% contro 62% Ocse) poteva aspettarsi di iscriversi all'università nel corso della vita contro il 39% del 2000. Anche per i diplomati l'Italia è nella parte bassa della classifica: sono il 55% della popolazione (30esimo posto su 40 Paesi contro 74% Ocse), pur salendo al 71% tra i 25-34 anni (82% Ocse).
Tra gli spunti italiani, l'avanzata delle donne: nel 2010 una su quattro aveva un'istruzione universitaria contro uno su sei tra gli uomini e il 59% delle lauree in Italia è appannaggio femminile, in linea con la media Ocse. Non solo, il 33% dei laureati in ingegneria in Italia sono donne, una delle percentuali più alte dell'Ocse e la Penisola è al secondo posto per le donne laureate in campo scientifico (52%).

La cattiva notizia è che la laurea in Italia rende sempre meno in termini di accesso al mondo del lavoro e reddito. Il tasso di disoccupazione tra i laureati nella Penisola è aumentato dal 5,3% al 5,6% tra il 2002 e il 2010, mentre è calato tra i diplomati (6,1% dal 6,4%), l'opposto di quanto è avvenuto nell'Ocse. Anche i dati sui redditi suggeriscono che i giovani laureati fanno fatica a trovare un lavoro adeguato in Italia.
I lavoratori tra i 25 e i 34 anni provvisti di una laurea guadagnano solo il 9% in più dei giovani che si sono fermati al diploma di scuola superiore contro il 37% della media Ocse. E soprattutto contro il 96% in più che guadagnano i loro padri laureati (55-64 anni) rispetto ai coetanei diplomati. La differenza tra i redditi dei giovani è la minore dopo quella la Norvegia nell'Ocse, mentre quella tra i lavoratori più anziani è tra le maggiori, evidenziando quindi un altro importante divario generazionale italiano. Ma le difficoltà dei giovani laureati fanno parte di un problema più ampio della transizione tra scuola e lavoro, sottolinea l'Ocse, additando l'elevata percentuale di inattivi (né a scuola, né al lavoro). Nella Penisola erano il 23% nel 2010 tra i 15-29anni. Dopo essere scesi al 19% nel 2003, sono aumentati con la crisi.

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

12 settembre 2012
Caricamento commenti in corso...

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia