Le Donne del Vino siciliano

A Roma la presentazione del Rinascimento enologico della Sicilia

17 dicembre 2010

Il meglio del mondo enologico siciliano, declinato al femminile, si incontra in occasione di "Donne, territorio, vini di Sicilia". La manifestazione voluta dall’Istituto Regionale della Vite e del Vino, per promuovere l’identità siciliana, porta oggi a Roma il fascino, la sensibilità, la professionalità di queste donne-timonieri che di questa terra rappresentano, oggi, il cambiamento culturale e di qualità del modello imprenditoriale, al servizio dell’innovazione e della competitività. A partecipare sarà il fiore all’occhiello dell’imprenditoria siciliana, la sua faccia più affascinante e più intraprendente: sono quelle donne che con le loro aziende e nei loro territori, spingono la Sicilia verso un futuro sempre più roseo.
Queste 28 imprenditrici siciliane, infatti, sono state chiamate a rappresentare i 16 territori del Continente Vitivinicolo Siciliano proposti in una chiave nuova, identitaria e culturale oltre che produttiva, riscoprendo il valore del paesaggio, della storia, dell’arte e della natura. Nessun prodotto ha queste capacità evocative come il vino e le donne di questa Sicilia hanno avuto sensibilità valori e creatività per dispiegarle al mondo.

Da Messina Faro Enza La Fauci per Tenuta Enza La Fauci, da Messina Mamertino Nancy Astone per Cambria, Flora Mondello per Gaglio Vignaioli dal 1910 da Piazza Armerina, Laura Savoca per Tenute Gigliotto, dalle Isole Eolie Paola Lantieri per Punta dell’Ufala, da Siracusa Carmella Pupillo per Pupillo, da Noto Carmela Di Bella per Icone Italian Wines e Francesca Curto per Curto Antica Azienda Agraria, da Vittoria Arianna Occhipinti per Occhipinti e Gaetana Jacono per Valle dell’Acate. Dall’Etna la squadra più numerosa: Mariangela Cambria per Cottanera, Silvia Maestrelli per Tenuta di Fessina, Margherita Platania per Feudo Cavaliere e Alice Bonaccorsi per ValCerasa; Agrigento è rappresentata da Carolina Cucurullo per Masseria del Feudo, da Terre Sicane Marilena Barbera per Cantine Barbera e Francesca Planeta per Planeta; da Trapani, Erice e isole Egadi Vinzia di Gaetano per Firriato, e Lilly Fazio per Fazio Casa Vinicola in Erice, da Marsala e Mazara del Vallo Caterina Tumbarello per Cantine Pellegrino, Silvana Conte per Alambicco di Sicilia e Annamaria e Clara Sala per Tenuta Gorghi Tondi, da Segesta Francesca Tonnino per Tonnino, Stefania Lena per Fatascià e Rita Russo per Limonio da Pantelleria Josè Rallo per Donnafugata, da Monreale Mirella Tamburello per Tamburello.
Leonardo Agueci, presidente dell’IRVV, che consegnerà un rametto di corallo di Sciacca in omaggio alle imprenditrici, spiega: "Queste signore del vino, con ruoli importanti nelle proprie aziende, hanno saputo incarnare, nel tessuto produttivo vitivinicolo della nostra isola, un modello imprenditoriale moderno, culturalmente più elevato, capace di generare identità competitiva e una nuova immagine del vino made in Sicily”.

Incontri, confronti, degustazioni, premi e celebrazioni: la giornata di oggi sarà densa di appuntamenti. In mattinata, alla presenza del Ministro delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali Giancarlo Galan si terrà il convegno "Un futuro sostenibile con le donne rurali", organizzato dall’Osservatorio Nazionale per l’Imprenditoria ed il Lavoro Femminile in Agricoltura (ONILFA) per celebrare la Giornata Mondiale della Donna Rurale del 15 ottobre. "Accolgo con piacere queste iniziative che ci avvicinano ai territori del sud - afferma Galan - meravigliosa espressione dell’Italia agricola e rurale, in cui operano donne capaci, che ogni giorno affrontano le condizioni di difficoltà in cui spesso sono costrette ad operare". A cinque di queste imprenditrici che si sono distinte per l’impegno profuso e i risultati conseguiti il ministro Galan assegnerà il Premio De@Terra che vuole essere anche un segno di incoraggiamento allo sviluppo dell’imprenditoria agricola femminile. Ci sarà poi il momento dedicato all’incontro con i ristoratori romani e alle degustazioni, in collaborazione con AIS Roma. La giornata continuerà con il talk show "Le donne del vino siciliano: ambasciatrici della Sicilia nel mondo", condotto da Nathalie Caldonazzo nello splendido scenario della Terrazza Civita che si affaccia su Piazza Venezia. A chiudere la manifestazione sarà la cena di gala "Sapori e Vini di Sicilia si incontrano" a cura dello chef isolano Natale Giunta ed in collaborazione con AIS Roma.

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

17 dicembre 2010

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia