Le inchieste sul ministro Romano sono due

Ancora aperta l'indagine che vede il ministro siciliano indagato per concorso esterno in associazione mafiosa. Ma il politico è anche accusato di corruzione

15 aprile 2011

Non si chiude l’inchiesta che vede il ministro dell’agricoltura Saverio Romano indagato di concorso esterno in associazione mafiosa. Il gip Giuliano Castiglia ha chiesto al pm Nino Di Matteo di produrre gli atti di un procedimento, scaturito dall'operazione "Ghiaccio", che si era concluso nel 2004 con l’archiviazione. L’indagine era stata riaperta nel 2005 e ora l’accusa chiedeva di chiuderla con una nuova archiviazione. Il gip ha invece deciso un approfondimento della posizione del ministro richiamando gli atti dell'operazione "Ghiaccio" nella quale erano coinvolti, tra gli altri, l’ex presidente della Regione siciliana, Salvatore Cuffaro, e il medico-boss Giuseppe Guttadauro. Il pm Di Matteo ha chiesto a sua volta l’acquisizione della sentenza ormai definitiva per la quale Cuffaro sta scontando in carcere una condanna a sette anni per favoreggiamento di Cosa nostra. Nella sentenza viene citato il collaboratore Francesco Campanella il quale ha detto che Romano nel 2001 era "a disposizione" della cosca di Villabate (Pa) e dei boss Antonino e Nicola Mandalà. Il gip si è riservato di decidere e ha fissato una nuova udienza per il 9 giugno.

E mentre l'indagine per concorso esterno in associazione mafiosa resta aperta, un'altra è vicina a una svolta. E' quella per corruzione aggravata nella quale Romano è indagato con il senatore Carlo Vizzini del Pdl e Salvatore Cuffaro. I magistrati della Procura si apprestano a trasmettere al Parlamento una serie di intercettazioni che chiedono di utilizzare per l’indagine su un giro di tangenti che ruotano attorno alla società Gas, di cui erano soci Massimo Ciancimino e il tributarista Gianni Lapis. Dalle intercettazioni, recuperate su indicazioni dello stesso Ciancimino e trascritte dai carabinieri, emergono contatti tra Lapis e vari politici che avrebbero ricevuto denaro nell’ambito di un’operazione conclusa con la vendita della società a un gruppo spagnolo per 124 milioni di euro. Il fatto nuovo, come scrive il Giornale di Sicilia, è la scoperta che un’intercettazione del 2004 riguarda una persona (forse un deputato regionale) di nome Nicola che rispondeva a Lapis da un cellulare intestato all’Assemblea regionale siciliana. A lui Lapis diceva: "Guarda che uno e mezzo ho… Va bene?". Nicola rispondeva: "D’accordo, Gianni, e che posso dirti? Ci mancherebbe altro".

Altre intercettazioni il cui contenuto era comunque conosciuto chiamano in causa il senatore Vizzini che diceva di essere ridotto "ai minimi termini", il senatore dell’Udc Salvatore Cintola, morto l’anno scorso, e Romano. Si parlava della "operatività" di operazioni non chiare e di altre iniziative nelle quali era richiesto l’intervento dei politici. Lapis e Ciancimino hanno già ammesso di avere pagato tangenti per la vendita della società Gas: 50 mila euro ciascuno a Romano e Cuffaro ("contributi elettorali" secondo Lapis), altri soldi a Vizzini. Tutti hanno negato di avere ricevuto mazzette. Vizzini ha anche spiegato che in un momento di difficoltà chiedeva a Lapis la restituzione di somme investite con la sua consulenza.
Gli investigatori ipotizzano che alcune tangenti siano servite a compensare la concessione di appalti di metanizzazione che avevano fatto crescere il valore della società. E in questo filone dell’inchiesta sarebbero coinvolti altri politici e amministratori regionali e locali. Altre tangenti sarebbero state pagate, sospettano da tempo gli inquirenti, come "contropartita" di un provvedimento legislativo: la legge 350 del 24 dicembre 2003 che ha previsto per le aziende del gas un abbattimento dell’Iva e contributi per i trattamenti pensionistici. Le intercettazioni risalgono agli anni 2003 e 2004. Il contenuto era noto ma non era stato trascritto. E’ stato fatto dopo che Massimo Ciancimino, leggendo negli atti del suo processo riferimenti alle intercettazioni, ha segnalato l’esistenza di altre bobine poi recuperate dalla polizia giudiziaria. Non lo è quella sul giro di tangenti che ruotava attorno alla società "Gas" della quale erano soci Massimo Ciancimino e il tributarista Gianni Lapis. La Procura si appresta a chiedere al Parlamento di utilizzare alcune intercettazioni risalenti al 2004 recuperate e trascritte su indicazione dello stesso Ciancimino, a cui è stata intanto confermata la scorta.

[Informazioni tratte da Ansa, Lasiciliaweb.it, LiveSicilia.it, Corriere del Mezzogiorno.it]

- Il ministro con "riserva"... (Guidasicilia.it, 24/03/11)

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

15 aprile 2011

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia