Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

Le Siciliane di A e B

Boom Boom a Milano! (Milan-Palermo 0-2) Non ci siamo... (Avellino-Catania 1-0) E continua a vincere! (Trapani-Brescia 3-2)

03 novembre 2014

Viste dal tifoso...
Buon lunedì a tutti.
E buon lunedì in particolar modo ai tifosi rosanero, alla luce di quello che è successo ieri sera al Meazza di Milano, con il Palermo padrone del campo, dominatore assoluto di una partita intensa, e con un 2-0 che è anche stretto per quello che si è visto sul terreno di gioco.
Un Palermo che inizia a macinare calcio - e sottolineo calcio -, perché sta qua la differenza di ieri sera: il Palermo giocava a calcio, mentre il Milan tirava calci ad un pallone. Dybala, Vasquez, Barreto, Maresca e tutta la squadra hanno impartito una lezione di Calcio.
Ora però viene il difficile, perché dopo una vittoria come questa si potrà pensare che siamo fortissimi. Iachini pensaci tu!
In serie B, il Trapani tiene alto il nome della Sicilia continuando a vincere, a stare in alto in classifica e a giocare bene, mentre il Catania in trasferta continua a perdere. Staremo a vedere.
Buon calcio a tutti.
[A.G.]

MILAN - PALERMO 0-2
MILAN (4-3-3):
Diego Lopez 6.5, De Sciglio 5, Rami 5, Alex sv (3' pt Zapata 4), Abate 4.5, Saponara 6, De Jong 6, Poli 5 (1'st El Shaarawy 5.5), Honda 5.5 (23' st Pazzini 5), Torres 5, Menez 5. (Agazzi, Abbiati, Albertazzi, Bonera, Zaccardo, Armero, Van Ginkel, Essien, Niang). All.: Inzaghi 4.5.
PALERMO (3-5-2): Sorrentino 6, Munoz 6.5, Gonzalez 6.5, Andelkovic 6.5, Morganella 6, Bolzoni 6, Maresca 6.5 (23'st Ngoyi 6), Barreto 6.5, Lazaar 7, Vazquez 6.5 (41'st Belotti sv), Dybala 7.5 (44'st Quaison sv). (Ujkani, Vitiello, Terzi, Feddal, Daprelà, Pisano, Della Rocca, Chochev, Joao Silva). All.: Iachini 7.
Arbitro: Gervasoni di Mantova 6.5.
Reti: nel pt 23' Zapata (autorete), 26' Dybala.
Note. Angoli: 4-4. Recupero: 1' e 3'. Ammoniti: Gonzalez, De Jong, Morganella, Andelkovic per gioco falloso, El Shaarawy e Rami per comportamento non regolamentare Spettatori: 28.272 per 685.563,55 euro di incasso.
-----------------------------------

I premi per il terzo posto sono già decisi ma se il Milan è quello che crolla contro il Palermo, allora deve ridimensionare i propri obiettivi. Fa male il 2-0 incassato in casa dai rossoneri e rischia di aprire la prima crisi di Inzaghi. Intanto arrivano i primi fischi di San Siro, mentre sono da applausi i siciliani di Iachini, soprattutto Dybala, autore dell'angolo da cui è nata l'autorete di Zapata e poi del raddoppio che ha chiuso i giochi dopo 26'.
Al Milan non basta oltre un'ora (e un tempo giocato con quattro punte) per rimediare. Imbattuto da 6 turni, cade sul più bello. E il secondo ko pesa ben più del primo contro la Juventus (20 settembre), per l'avversario e perché segue a due pareggi deludenti. All'improvviso i difetti mostrati qua e là dalla squadra di Inzaghi diventano problemi veri. In attacco Menez e Torres, per la prima volta titolari insieme, non danno prova di poter convivere. A centrocampo dopo sei mesi e mezzo si rivede Saponara, a tratti è il più lucido di un reparto messo alle corde da Barreto e compagni. Tutto ciò espone ancor di più le crepe di una difesa tenera al centro e disarmante sulle fasce, dove Abate e De Sciglio faticano a difendere e spingere.
Questo Milan vale molto meno del 7 in pagella assegnato da Berlusconi mentre questo Palermo, che ha già fermato Inter e Napoli, trova punti e fiducia per la salvezza. La squadra di Iachini non fa nulla di straordinario ma lo fa con ordine e si fa trovare pronta davanti agli episodi favorevoli. La difesa rende quasi noiosa la 200ma partita in serie A di Sorrentino, il centrocampo contiene e riparte creando gioco per uno straripante Dybala e per Vazquez, confermato (ma multato) dopo la maglia gettata a terra dopo la sostituzione con il Chievo.
Berlusconi voleva i suoi attaccanti più pericolosi in area ma è il Palermo a giocare in maniera sfrontata. Dopo l'infortunio e qualche panchina rientra Diego Lopez, e contiene i danni di una difesa che dopo 3' perde Alex, fermato dal dolore alla coscia destra e sostituito da Zapata. Per qualche azione il Milan sembra aver trovato il senso della partita ma la mira di Poli, Torres e Menez è imprecisa. Poi in un paio di minuti il Palermo gela San Siro. Al 23' Zapata interviene in maniera goffa di testa trasformando un angolo di Dybala in autorete. Il difensore colombiano non fa in tempo a riprendersi dallo choc e scaldare i muscoli che l'attaccante argentino lo punta e lo umilia sulla sinistra, trovando il raddoppio con un mancino a incrociare.
Mentre Diego Lopez continua a destreggiarsi fra retropassaggi dei compagni e tiri degli avversari, il primo tempo finisce con i primi fischi della stagione per i rossoneri. Inzaghi se la prende con Gervasoni, ma nella ripresa non riesce a ribaltare la partita, neanche con quattro attaccanti. Entra El Shaarawy che si fa notare per una simulazione e un destro a girare, mentre Menez continua a intestardirsi palla al piede. Il Milan ci prova anche con due centravanti quando Pazzini affianca Torres, ma non basta a salvare Inzaghi dalla prima debacle in carriera.

AVELLINO-CATANIA 1-0
AVELLINO (3-5-2):
Gomis 6; Pisacane 6, Vergara 6 (27' pt Bittante 6), Chiosa 6.5; Regoli 6, D'Angelo 6.5, Arini 5.5 (20' st Zito 6), Kone 6, Visconti 5.5; Castaldo 7, Arrighini 6 (30' st Comi sv). In panchina: Frattali, Petricciuolo, Pozzebon, Soumarè, Angeli, D'Attilio. Allenatore: Rastelli 6.
CATANIA (4-4-2): Frison 5; Peruzzi sv (27' pt Marcelinho 5.5), Sauro 5, Capuano 6.5, Gyomber 6, Martinho 5.5 (11' st Calello 5), Escalante 5 (31' st Cani sv), Rinaudo 5.5, Monzon 6.5; Leto 4.5, Calaiò 5.5. In panchina: Ficara, Garufi, Chrapek, Jankovic, Parisi, Ramos. Allenatore: Sannino 5.5
Arbitro: Aureliano di Bologna 5.5.
Reti: 22' pt Castaldo (rig).
Note: spettatori 5.500 circa, un centinaio al seguito del Catania. Ammoniti: Pisacane, Arrighini, Bittante, Frison, Gyomber, Calello. Angoli: 7-4 per il Catania. Recupero: 3', 4'.
-----------------------------------

Basta poco per perdere una partita. E anche per vincerla. La lentezza di Sauro che non chiude su Arrighini, l'incertezza di Frison in uscita e il rigore che ne segue, trasformato da Castaldo.
Tornato a respirare grazie alla boccata d'ossigeno offerta da due vittorie consecutive, il Catania si blocca ad Avellino contro un avversario che incamera tre punti al di là dei propri meriti aggiungendo al penalty di cui sopra solo una buona dose di agonismo, con tanto di rudezze e furbizie tipiche della B. [Continua a leggere l’articolo di Alberto Cigalini su Lasiciliaweb Sport]

TRAPANI - BRESCIA 3-2 (0-1)
TRAPANI (4-4-2):
Gomis 6, Lo Bue 5.5, Pagliarulo 6, Terlizzi 6, Rizzato 6; Falco 6 (35'st Lombardi sv), Scozzarella 6, Ciaramitaro 6.5, Barillà 5.5 (1'st Aramu 6,5); Abate 7 (38'st Iunco 6.5), Mancosu 6. In panchina: Marcone, Caldara, Pastore, Martinelli, Feola, Citro. Allenatore: Boscaglia 7.
BRESCIA (3-5-1-1): Minelli 5; Coly 5, Lancini 5, Caracciolo A. 6; Sestu 6, Olivera 5 (42'st Bertoli sv), H'Maidat 5.5, Benali 6, Scaglia 6; Sodinha 6; Morosini 5.5 (15'st Valotti 5.5). In panchina: Arcari, Bruno, Rocchi, Ragnoli, Gargiulo, Quaggiotto, Razzitti.
Allenatore: Iaconi 5.5.
Arbitro: Candussio 6.
Reti: 9' pt Sestu, 14' st Abate, 19' st Benali, 26' st Ciaramitaro, 31' st Aramu.
Note: spettatori 4.500 circa. Ammoniti Scaglia, Abate, Benali, Ciaramitaro, Scozzarella, Lancini, Terlizzi, Sestu, Aramu. Angoli 5-5. Recupero: 1'; 4'.
-----------------------------------

Il Trapani regala la vittoria ai suoi tifosi dopo una partita all'ultimo respiro contro il Brescia. Il 3-2 finale arriva dopo un'altalena di gol che aveva portato i siciliani per due volte in svantaggio. Un devastante ritorno della squadra di Boscaglia a metà primo tempo ribalta il risultato e spinge i granata al secondo posto alle spalle del Carpi.
La prima marcatura è di Sestu all'8, al 15' del secondo tempo arriva il pareggio del Trapani con Abate, ma quattro minuti più tardi Benali firma il 2-1 per i lombardi. Ciaramitaro al 26' e Aramu al 31' completano la rimonta.

[Fonte: Lasiciliaweb Sport]

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

03 novembre 2014
Caricamento commenti in corso...

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Tu piaci a Guidasicilia.
Guidasicilia piace a te?
= Hai già dato il MI PIACE
= Puoi dare ora il MI PIACE