Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine
 Cookie

Le Siciliane di A e B

Tre punti pesanti (Catania-Lazio 3-1) Con i denti... (Cesena-Palermo 0-0) Granata costanti (Reggina-Trapani 1-1)

17 febbraio 2014

Viste dal tifoso...
Buon lunedì a tutti.
Anche oggi i titoli parlano chiaro: tre punti pesanti per il Catania che batte una forte Lazio al Massimino per 3-1, dando prova di essere ancora vivo e che farà di tutto per lottare e non retrocedere.
Con i denti il Palermo strappa un punto sul campo del Cesena dopo che è rimasto in dieci per l'espulsione di un giocatore alla fine del primo tempo, e mantenendo i 4 punti di vantaggio sulla seconda, l'Empoli.
Il Trapani dimostra costanza andando a pareggiare in casa della pericolante Reggina.
Fino ad ora un bel campionato di serie B.
A lunedì prossimo e Buon calcio a tutti.
[A.G.]

CESENA - PALERMO 0-0
CESENA (3-5-2):
Coser 6; Volta 6, Capelli 6.5, Krajnc 6; D'Alessandro 6.5, Gagliardini 7, Cascione 6.5, Belingheri 5.5 (22' st Defrel 5.5), Renzetti 5.5 (42' st Garritano sv); Marilungo 6 (30' st Succi sv), Rodriguez 5.5. In panchina: Agliardi, Alhassan, Camporese, De Feudis, Yabrè, Bangoura. Allenatore: Bisoli 6.
PALERMO (3-5-2): Sorrentino 6.5; Munoz 6, Terzi 6, Andelkovic 6.5; Morganella 6 (22' pt Pisano 6), Ngoyi 5.5, Maresca 5, Vazquez 5 (44' pt Daprelà 6), Lazaar 5; Lafferty 5.5 (37' Barreto sv), Hernandez 5. In panchina: Ujkani, Di Gennaro, Troianiello, Stefanovic, Verre, Embalo. Allenatore: Iachini 6.
Arbitro: Melchiori di Ferrara 6
Note: giornata soleggiata e gradevole. Spettatori: 11.999. Espulsi: al 34' pt Lazaar per doppia ammonizione e al 47' st Maresca per gioco violento. Ammoniti: Krajnc, Lafferty, Lazaar, Vazquez, Belingheri. Recupero: 3' e 3'.
---------------------

Il Palermo esce indenne dalla trasferta di Cesena pur chiudendo la partita in nove per le espulsioni di Lazaar e Maresca. Un pari poco esaltante sul piano del gioco, ma che serve a conservare quattro punti di vantaggio sulla seconda.
I rosanero soffrono in avvio, quando è Sorrentino a salvarli dai tentativi di Volta e Marilungo. La situazione si complica con l'espulsione per doppia ammonizione di Lazaar che costringe Iachini a inserire Daprelà e ad arretrare Hernandez lasciando Lafferty unica punta.
Nella ripresa il Palermo bada a difendersi concedendo poco al Cesena ma costruendo anche quasi nulla dalle parti di Coser, impegnato solo una volta da Barreto. Nel finale c'è tempo anche per il rosso a Maresca e per l'ultimo tentativo a vuoto dei romagnoli con Defrel.
Prima e durante la partita il pubblico del Manuzzi ha ricordato Marco Pantani a dieci anni dalla morte, avvenuta il 14 febbraio 2004, e l'ex giocatore bianconero Corrado Benedetti, scomparso nella notte all'età di 57 anni in seguito ad una malattia.

REGGINA - TRAPANI 1-1
REGGINA (4-4-2):
Pigliacelli 7.5; Da Silva 6, Adejo 6, Ipsa 6, Barillà 7; Strasser 5 (58'st Dumitru 5.5), Dall'Oglio 6, Pambou 6.5, Sbaffo 5.5; Di Michele 5.5 (17'st Fischnaller 5.5), Gerardi 6. In panchina: Zandrini, Foglio, Bochniewicz, Di Lorenzo, Frascatore, Contessa. Allenatore: Gagliardi 6
TRAPANI (4-4-2): Nordi 5; Garufo 6.5, Pagliarulo 6.5, Terlizzi 6, Rizzato 6.5; Basso 6, Ciaramitaro 6, Pirrone 6 (44'st Abate sv), Nizzetto 7 (35'st Ferri sv); Iunco 7 (33'st Caccetta sv), Mancosu 7. In panchina: Marcone, Dai, Raimondi, Pacilli, Feola, Gambino. Allenatore: Boscaglia 7
Arbitro: Abbattista di Molfetta 5
Reti: 29' st Mancosu, 42' st Barillà
Note: pomeriggio soleggiato. Terreno in ottime condizioni. Spettatori: 5206 per un incasso totale di 28133 euro. Ammoniti: Pirrone, Pambou, Nizzetto, Sbaffo, Fischnaller. Angoli: 9-5 per la Reggina. Recupero: 1'-3'.
---------------------

Il Trapani torna da Reggio Calabria con un buon pari e qualche rammarico per una vittoria sfumata solo negli ultimi minuti. Per i granata è comunque il dodicesimo risultato utile di fila, prezioso per restare nei quartieri alti della classifica.
La squadra di Boscaglia si presenta al Granillo impegnando subito Pigliacelli con una botta di Ciaramitaro e gioca con personalità tenendo in apprensione i calabresi.
Il portiere di casa, in giornata decisamente postiva, si ripete su Iunco, Basso, Nizzetto e Mancosu prima di capitolare davanti allo stesso Mancosu, lesto a correggere in porta un tocco aereo di Pagliarulo su angolo di Basso.
Vantaggio meritato per gli ospiti, che però nel finale incassano il pareggio reggino con una punizione di Barillà che passa in mezzo alla barriera e sorprende Nordi.

CATANIA - LAZIO 3-1
CATANIA (4-3-3):
Andujar 5.5, Peruzzi 7, Bellusci 6, Spolli 7, Alvarez 6, Izco 7, Lodi 6 (37' st Plasil sv), Rinaudo 6.5, Barrientos sv (16' pt Keko 6.5), Bergessio 6.5, Castro 6 (33' st Rolin sv). (35 Ficara, 6 Legrottaglie, 24 Gyomber, 33 Capuano, 34 Biraghi, 18 Monzon, 23 Boateng, 32 Petkovic, 7 Fedato). All. Maran 7.
LAZIO (4-2-3-1): Berisha 6, Konko 5, Biava 5.5 (26' st Keita sv), Dias 5, Radu 5, Biglia 5.5 (1' st Gonzalez 5), Ledesma 5.5, Candreva 5.5, Mauri 6 (26' st Perea sv), Lulic 5, Klose 5. (22 Marchetti, 95 Strakosha, 2 Ciani, 85 Novaretti, 27 Cana, 39 Cavanda, 23 Onazi, 21 Kakuta, 7 Anderson). All. Reja 5.
Arbitro: Mazzoleni di Bergamo 6.5
Reti: nel pt 1' Izco, 46' Mauri, nel st 2' Spolli, 13' Peruzzi.
Note: angoli 1 a 1. Recupero: 2' e 3'. Ammoniti: Lulic e Keko per comportamento non regolamentare, Biglia, Radu e Bergessio per gioco scorretto, Konko per proteste. Spettatori 12.487 (2.025 paganti, abbonati 10.462), incasso 39.070 euro.
---------------------

La partita delle prime volte. Nel bene e nel male. Quella di Mariano Izco, Nicolas Spolli e Gino Peruzzi, sinora mai in rete in questo campionato. Quella di Stefano Mauri, tornato in campo dal 1' con tanto di gol e fascia di capitano a celebrare la circostanza dopo sei mesi di assenza per squalifica. Quella di Edy Reja, che al Massimino interrompe la striscia positiva aperta al suo arrivo sulla panchina biancoceleste. E soprattutto quella del Catania, che, almeno sino agli incontri del pomeriggio (quando il colpo esterno del Livorno lo farà scendere di una posizione), riscopre il piacere di essere fuori dalla zona retrocessione rispettando con puntualità svizzera la cabala che lo vuole vittorioso ogni sei giornate. [Continua a leggere l’articolo di Alberto Cigalini per Lasiciliaweb Sport]

[Fonte: Lasiciliaweb Sport]

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

17 febbraio 2014
Caricamento commenti in corso...

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia