Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

Liberi i pescherecci mazaresi sequestrati in Libia

Per la Corte di Bengasi sono cadute tutte le accuse

04 luglio 2012

I tre pescherecci mazaresi 'Boccia II', 'Maestrale' e 'Antonino Sirrato' e i loro 19 uomini di equipaggio (12 mazaresi e 7 tunisini) possono lasciare Bengasi dove erano stati condotti lo scorso 7 giugno dopo esser stati sequestrati a 42 miglia dalla costa libica da cinque miliziani libici armati. Gli armatori dovranno pagare una sanzione di 4.000 dinari (circa 2.mila euro) per il dissequestro dei tre natanti.
Lo ha deciso la Corte militare davanti alla quale stamani sono comparsi i marittimi, assistiti dalla diplomazia italiana. I marittimi sono stati assistiti dall'Ambasciata italiana a Tripoli, dal Consolato italiano, dalla Presidenza del Consiglio italiana e dal Distretto produttivo per la pesca Cosvap.
La Corte di Bengasi ha scagionato i marittimi dall'accusa di avere pescato nella zona di pesca esclusiva libica e ha fatto decadere l'altra ipotesi di reato di avere pescato reperti archeologici sommersi. Quest'ultima imputazione era legata al fato che a bordo di uno dei pescherecci erano stati trovati alcuni cocci di anfore che erano rimasti attaccati alle reti durante una battuta di pesca.

"Siamo soddisfatti di come sono andate le cose. La sentenza emessa proscioglie i nostri marittimi dall'avere pescato nella zona di pesca esclusiva della Libia perché non vi è alcuna prova che conferma ciò, mentre non cita minimamente la questione relativa al ritrovamento di alcuni cocci di anfore", ha detto all'Ansa il console italiano a Bengasi Guido De Sanctis. "La multa inflitta è meno di un quarto di quella massima prevista. - ha aggiunto - In questa vicenda la giustizia ha dovuto fare il suo corso per questo sono trascorse diverse settimane dal sequestro che era stato operato. Siamo in un Paese che esce da una dittattura di 42 anni e ora anche il settore giudiziario sta cercando di trovare il proprio equilibrio. Il caso dei pescherecci mazaresi è stato comunque trattato con una certa urgenza grazie anche all'immediato intervento della diplomazia italiana e del Distretto produttivo per la pesca Cosvap".
Secondo Giovanni Tumbiolo, presidente del distretto siciliano della Pesca, "ora serve che il governo italiano dia finalmente l'ok ai finanziamenti legati al Trattato di cooperazione firmato da Italia e Libia a gennaio di quest'anno. Serve anche - dice ancora Tumbiolo - una maggiore protezione e sorveglianza continua nei confronti dei nostri pescherecci, al momento impegnati nella campagna del gambero che si concluderà ad ottobre".

Liberi dunque i 19 marittimi, che dovrebbero partire già domani, sbrigate tutte le formalità burocratiche di rito. Sul 'Maestrale' il comandante Gaspare Castano, Marco Salvato, Giovanbattista Armato, e tre tunisini; sul 'Boccia II' sono imbarcati il comandante Pietro Russo, Giuseppe Zinerco, Pietro La Spisa, e quattro tunisini; sul 'Sirrato' il comandante Francesco Di Giovanni, Vito Ballatore, Salvatore Gabriele, Ottavio Parrinello, Giacomo Gennaro, Antonino Rallo.
Il sindaco di Mazara del Vallo, Nicola Cristaldi, ha espresso "viva soddisfazione per la liberazione dei motopesca e dei loro equipaggi, anche perché la vicenda aveva assunto livelli di difficoltà molto complessi che rischiavano di creare elementi di rottura con una politica di cooperazione tra la nostra marineria e l'economia libica".

[Informazioni tratte da Adnkronos/Ign, ANSA, Repubblica/Palermo.it, Corriere del Mezzogiorno]

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

04 luglio 2012
Caricamento commenti in corso...

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia