Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

Lo scrutinio elettronico secondo il ministro Lucio Stanca è stato un successo

Lo scrutinio elettronico è stato sperimentato alle ultime elezioni in 1500 sezioni italiane

21 giugno 2004

"La sperimentazione dello scrutinio elettronico si è rivelata un vero successo". Così Lucio Stanca, ministro per l'Innovazione e le Tecnologie, ha commentato l'andamento della prima sperimentazione di conteggio informatizzato dei voti, operazione decisa con il ministero dell'Interno, svoltasi per queste ultime elezioni in 1.500 sezioni e realizzata da Innovazione Italia Spa.

Dopo aver ricordato che la valutazione del test è demandata ad una apposita Commissione, che entro questo mese predisporrà una prima relazione sull'efficacia ed efficienza in termini di vantaggi economici, organizzativi e temporali, il ministro per l'Innovazione e le Tecnologie ha sottolineato come "la complessa macchina ha funzionato con buona riuscita, addirittura superiore alle aspettative, e tutte le sezioni hanno completato con esito positivo la sperimentazione. Nel corso dello scrutinio non solo il sistema tecnologico si è dimostrato affidabile, ma soprattutto è stato ben accolto dai presidenti di sezione, con i quali si è stabilita un'ottima interazione".

Stanca non ha nascosto che "i limitati inconvenienti si sono registrati solo nella fase antecedente il voto, quando in quattro sezioni su 1.500, i presidenti in un primo momento non avevano consentito l'accesso ai tecnici informatici. Problema risolto subito grazie all'intervento delle Prefetture. Inoltre le pochissime code nell'invio telematico dei risultati al Viminale", ha aggiunto il ministro, "erano dovute ai ritardi delle contestuali procedure di spoglio tradizionale, manuale, cui la sperimentazione era legata".

L'utilizzo dell'elettronica è stato apprezzato soprattutto nella fase successiva allo spoglio, ossia in quella di inoltro telematico dei risultati direttamente al Viminale, saltando ben sei procedure e, soprattutto, eliminando la trascrizione dei dati e il trasporto materiale delle schede, operazioni onerose e spesso causa di ritardi e talvolta di errori.
Nell'esperimento, svoltosi in 49 città sui voti espressi da oltre un milione di elettori, sono stati impegnati circa 2.000 tecnici informatici e 400 coordinatori informatici di plesso; 80 persone al call center nazionale, 110 persone nei centri di controllo e ricezione.
Chiuse definitivamente tutte le operazione della sperimentazione, i 2 mila pc utilizzati, sono stati dati in uso alle scuole dove si è svolto lo scrutinio, disponibili fino alle prossime consultazioni.

Fonte: Solacria.it

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

21 giugno 2004
Caricamento commenti in corso...

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Tu piaci a Guidasicilia.
Guidasicilia piace a te?
= Hai già dato il MI PIACE
= Puoi dare ora il MI PIACE