Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

Lodo Mondadori: il fatto "gravissimo" esposto dalla Fininvest

Marina Berlusconi: "E' stato creato un precedente decisivo 'su misura' per condannare la Fininvest"

05 ottobre 2011

E' stato presentato ieri al Ministro della Giustizia e al Procuratore Generale presso la Corte di Cassazione un esposto del presidente della Fininvest, Marina Berlusconi, che documenta "un fatto gravissimo", si legge nel comunicato del gruppo, relativo alla sentenza con cui il 9 luglio scorso la Corte d'Appello di Milano ha condannato la Fininvest a pagare 564 milioni di euro alla Cir per la vicenda Lodo Mondadori (LEGGI).
L'esposto evidenzia come, nella sentenza d'appello, una pronuncia della Cassazione determinante ai fini del verdetto "venga riportata con il 'taglio' di un passaggio decisivo e la mancata citazione di altri passaggi, altrettanto decisivi". Il risultato è "che si fa dire alla Cassazione l'esatto contrario di quanto invece la Cassazione stessa chiaramente afferma nella sua sentenza".
"E solo in questo modo - si sottolinea nella nota Fininvest - viene superato un limite giuridico altrimenti insuperabile. In sostanza si crea letteralmente un 'precedente' che non esiste, perché quello esistente è un precedente di segno contrario che avrebbe comportato una decisione opposta, favorevole a Fininvest".

Nella sentenza di luglio la Corte milanese, ritenendo che il verdetto della Corte d'Appello di Roma del 1991 - che aveva annullato il Lodo dando ragione a Fininvest - fosse frutto di corruzione, ha stabilito che poteva e doveva rifare la causa del 1991 e rideciderla, e ha dato ragione a Cir.
"Il codice di procedura civile dispone esplicitamente, invece, che per ottenere l'annullamento e l'eventuale sostituzione di un verdetto già passato in giudicato bisogna proporre azione di revocazione. Azione che Cir non aveva proposto. Nella sentenza di luglio la Corte d'Appello di Milano ha però dichiarato di volersi attenere al principio affermato dalla Cassazione penale in una sua decisione secondo cui, in caso di corruzione del giudice, la sentenza è inesistente e qualsiasi giudice civile puo' e deve rifare la causa e rideciderla".
Nell'esposto "si dimostra - peraltro chiunque, leggendo nella sua versione integrale e originale il 'precedente' citato dalla Corte di Milano, lo constata senza possibile ombra di dubbio - che la Cassazione ha invece affermato esattamente l'opposto, e cioè che non esiste altra via - diversa dalla revocazione - per rimettere in discussione quanto deciso dalla Corte d'Appello di Roma. Ciò che è sconcertante è che la Corte milanese non solo ha omesso di citare i numerosi passi nei quali, inequivocabilmente, la Cassazione afferma il contrario di quanto le si fa dire, ma ha anche trascritto un ampio stralcio della decisione della Corte Suprema sostituendo, con puntini di sospensione, un inciso nel quale ci si riferiva in modo esplicito, ancora una volta, alla revocazione".

"Non saremmo mai arrivati a pensare che una condanna a pagare 564 milioni di euro potesse fondarsi addirittura sul 'taglio' materiale di una frase e su altre incredibili omissioni nel riportare una sentenza della Cassazione. E' stato creato, insomma, un precedente decisivo 'su misura' per condannare la Fininvest", ha commentato Marina Berlusconi.
"E' un fatto la cui gravità è fuori discussione", ha commentato ancora aggiungendo: "Di fronte a un'enormità del genere, la presentazione dell'esposto, in cui si sottopone quanto è successo alla valutazione delle autorità competenti, è un atto dovuto. Questo naturalmente al di la' del ricorso per Cassazione, che seguirà la sua strada".
"Abbiamo sempre saputo - ha aggiunto la presidente della Fininvest - di essere dalla parte del giusto, di aver operato nella più assoluta correttezza e di averlo documentato in modo inconfutabile. Nonostante ciò, abbiamo subito, per decisione prima del Tribunale e poi della Corte d'Appello di Milano, un esproprio di dimensioni spropositate a favore del gruppo De Benedetti". Si tratta "di una vicenda su cui non possiamo tacere, che abbiamo il dovere di rendere nota e davanti alla quale non si può non rimanere che profondamente sconcertati", ha concluso la primogenita del Cavaliere.

Ieri pomeriggio, Cir ha diffuso una nota nella quale la società e i propri legali Vincenzo Roppo ed Elisabetta Rubini, ritengono che l'esposto presentato da Fininvest sia "un tentativo pretestuoso e infondato di recuperare una situazione processuale fortemente compromessa". L'esposto, si legge "in primo luogo, è infondato nel merito poiché si basa su una lettura fuorviante e lacunosa della sentenza di Cassazione penale n. 35325/2007".
Secondo Cir "viene nascosto che questa sentenza richiama la precedente Cassazione penale n. 33435/2006, la quale tratta in modo più approfondito la questione chiave sollevata da Fininvest, e cioè se per esercitare l'azione di risarcimento contro Fininvest Cir avrebbe dovuto prima agire per la revocazione della sentenza Metta. Fininvest sostiene che avrebbe dovuto, e non avendolo fatto avrebbe perso la sua azione risarcitoria. Ebbene, Cassazione penale n. 33435/2006 dice esattamente il contrario" prosegue la nota.
"L'esposto - si legge ancora - ha poi un oggetto del tutto inconsistente quando ritiene di segnalare come anomalo e riprovevole (il comunicato stampa dice 'gravissimo') un fatto che invece è assolutamente abituale nella prassi di stesura delle sentenze, e cioè la citazione di precedenti limitata ai passi che il giudice ritiene pertinenti, con stralcio dei passi ritenuti non pertinenti". [Adnkronos/Ign]

 

 

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

05 ottobre 2011
Caricamento commenti in corso...

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia