Medibit, Turismo Euromediterraneo

Un bilancio di successo con 9 mila operatori , 15 mila visitatori, 200 espositori siciliani

25 marzo 2003
Novemila operatori professionali, quindicimila visitatori in tre giorni, 200 espositori siciliani, nazionali ed internazionali, 10.000 metri quadrati di area espositiva, di cui 3.000 dedicati all'offerta turistica siciliana, 150 buyer provenienti da 18 Paesi che hanno incontrato, all'interno dell'area Buy Sicily, 400 operatori siciliani.

Con questo bilancio si è chiusa alla Fiera del Mediterraneo di Palermo, Medibit, Turismo Euromediterraneo, una tre giorni dedicata alla promozione dell'industria turistica, ed in particolare di quella siciliana ed euromediterranea, realizzata in collaborazione con l'assessorato regionale al Turismo ed ExpoCts, l'ente organizzatore della Borsa internazionale del Turismo di Milano.

"Un bilancio assolutamente positivo". Questo il commento di Stapino Greco, commissario straordinario dell'Ente autonomo Fiera del Mediterraneo.
"La Fiera non è altro che una manifestazione economica dove si deve fare business - ha sottolineato -. Credo che questa manifestazione abbia ricreato un circuito virtuoso tra la proposta del turismo siciliano e tutti gli operatori del settore che, come si vede dalle cifre, sono accorsi numerosi alla prima Medibit, nonostante la terribile situazione internazionale. Sono certo che sotto il patrocinio dell'assessorato regionale al Turismo, che colgo l'occasione per ringraziare, e la partnership di ExpoCts, nell'edizione dell'anno prossimo faremo il salto di qualità definitivo, donando alla Sicilia, a Palermo e alla Fiera del Mediterraneo una grande Medibit".

Palermo, Taormina e Catania le mete preferite in Sicilia dal Turismo Congressuale ed Incentive che comprende i meeting aziendali e i viaggi di incentivazione o viaggi premio. E' quanto è emerso stamattina nell'area Buy Sicily della Medibit, riservata agli incontri tra operatori del settore turistico, dove circa 40 buyer specializzati nel turismo congressuale ed inventive hanno incontrato gli operatori siciliani.

L'interesse verso la Sicilia è forte, grazie alle bellezze paesaggistiche della regione, anche se spesso mancano strutture alberghiere e ricettive in grado di ospitare convegni di grandi dimensioni. "Molte località sono penalizzate dalla scarsità dei collegamenti - spiega Claudia Guerra, meeting coordinator della Binda Italia Spa, società che organizza meeting e congressi-. Ecco perché Palermo, grazie alla presenza dell'aeroporto, conquista una grande fetta del turismo congressuale".

Le mete più appetibili sono le dimore storiche, di cui la Sicilia è piena. "Non è la prima volta che scegliamo la Sicilia per organizzare convegni di neonatologia - sottolinea Daniela Amadasi, funzionario della società italiana di medicina perinatale che conta in Italia quasi mille associati- e Medibit si è dimostrata un'ottima occasione di contatto con catene alberghiere e hotel di Agrigento e Messina".

In Sicilia manca una cultura manageriale in ambito alberghiero e professionalità specializzate in questo settore. E' quanto lamenta Filippo Marchese, vice presidente nazionale dell'Ada, l'associazione direttori d'albergo, che conta 740 soci di cui 70 in Sicilia, intervenendo al seminario "Esigenze di formazione manageriale nel settore turistico alberghiero" che si è svolto questa mattina nell'ambito di Medibit.

"Il turismo siciliano ha grandi potenzialità - spiega Marchese - ma nell'Isola manca una vera e propria cultura manageriale e turistica dell'accoglienza. Gran parte delle aziende turistiche o alberghiere siciliane sono infatti di piccole dimensioni e a carattere familiare. Queste lacune professionali, però, si riscontrano anche in enti pubblici, aziende di soggiorno o enti che si occupano della promozione del territorio". La carenza, secondo Marchese, è anche nell'offerta formativa. "Non esistono - sottolinea - percorsi specifici che mirano a formare un manager alberghiero ma soltanto scuole superiori o indirizzi all'interno di  corsi di laurea tradizionali, come giurisprudenza o economia e commercio".

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

25 marzo 2003

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia