Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

Mentre c'è grande tensione tra Occidente e Medioriente, l'università di Palermo pensa all'ateneo italo-libico

Il primo passo per la costituzione della prima Università italo-libica

26 luglio 2005

Un'iniziativa come quella che ci accingiamo a raccontare, in un periodo tanto drammatico e che sempre più prepotentemente evoca la temibile ''guerra fra civiltà'', è foriera di grandi speranze e nello stesso tempo simbolo dell'attuale forza che la cultura ha nell'andare oltre gli sbarramenti creati dalla violenza del terrorismo o dagli intrighi diplomatici.
Lontani dai tempi della cacciata degli italiani dalla Libia e dei missili lanciati contro Lampedusa, la Libia si apre all'Occidente ed è la Sicilia che viene chiamata a organizzare un'iniziativa di grande coesione, la nascita del dipartimento di italianistica a Bengasi, la più antica università libica.

Come dichiarato dal rettore dell'ateneo di Palermo, Giuseppe Silvestri, i primi corsi (che avranno una durata quadriennale) inizieranno ad ottobre, ''il primo passo per la costituzione dell'Università italo-libica sul modello di quella italo-francese che ha sede a Torino e Chambery''.
Il protocollo d'intesa è stato già sottoscritto dalle Università di Bengasi, Palermo, Messina, Catania e Reggio Calabria e si attende solo il via libera del governo italiano e di quello libico.
''È un fatto di grande rilevanza politica oltre che culturale - afferma il pro-rettore Giovanni Santangelo, che ha guidato la delegazione palermitana -. È il primo dipartimento di lingua e cultura italiana che si apre nei paesi arabi. In un momento in cui il clima tra oriente e occidente è alquanto teso noi gettiamo un ponte per il dialogo e la collaborazione. Un ponte sul quale potranno anche transitare commerci e scambi di tecnologie e conoscenze''.

Alle cinquanta matricole che già si sono iscritte, terrà la prima lezione Giovanni Ruffino, linguista, responsabile scientifico del progetto, nonché preside della facoltà palermitana di Lettere. Poi a rotazione - tre per volta - sarà il turno degli altri docenti dell'ateneo palermitano. I primi due anni saranno dedicati all'apprendimento della lingua italiana, i successivi due allo studio della cultura e della nostra letteratura. Dopo la prima fase gli studenti potranno continuare gli studi a Palermo, mentre i nostri iscritti ai corsi di arabo potranno recarsi a Bengasi.
''L'obiettivo principale è quello formare dei docenti di italiano in modo che possano poi operare nelle scuole superiori libiche - ha detto il prof. Ruffino -. Un punto di partenza per sviluppare rapporti commerciali. Infatti, non bisogna dimenticare che la lingua è il motore di ogni attività'', e un mezzo di avvicinamento adatto ad abbattere quelle barriere che dividono fomentando diversità e polemiche e tensioni.

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

26 luglio 2005
Caricamento commenti in corso...

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia