Michele Aiello torna libero per motivi di salute

L'ex "re mida" della sanità privata ha lasciato il carcere milanese dell'Opera su disposizione del tribunale del Riesame

27 agosto 2010

Michele Aiello, l’ex imprenditore della sanità privata condannato in appello a 15 anni e mezzo per associazione mafiosa, per decisione del tribunale della libertà ha lasciato ieri il carcere milanese di Opera, dove era rinchiuso da gennaio, quando la sentenza di secondo grado aveva aggravato la sua condanna. Da ieri, dunque, il "re mida" della sanità è tornato a Bagheria, dove abita e dove aveva le sue cliniche.
La decisione è stata presa dal tribunale del Riesame, accogliendo il ricorso dei legali dell'ingegnere bagherese, Sergio Monaco e Michele De Stefani.
Aiello, a cui recentemente sono stati confiscati beni per 800 milioni, era stato arrestato nel 2003. Aveva trascorso 4 mesi in carcere e due anni e mezzo ai domiciliari. Il 3 novembre 2006 era tornato in libertà, mantenuta anche dopo la condanna di primo grado a 14 anni. L’ex imprenditore, che è accusato di fare affari con il boss Bernardo Provenzano, ha l’obbligo di presentarsi tre volte alla settimana al commissariato e di non lasciare l’Italia. [ANSA]

- La più imponente confisca mai realizzata in Italia (Guidasicilia.it, 19/08/10)

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

27 agosto 2010

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia