Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

Modificato il disciplinare di produzione dell'olio DOP Monti Iblei

L'Unione europea ha approvato le modifiche richieste dal Consorzio nel 2012

16 settembre 2020
Modificato il disciplinare di produzione dell'olio DOP Monti Iblei
  • Hai un'attività che vuoi rendere visibile? Fallo ora gratuitamente - CLICCA QUI

Il disciplinare di produzione dell'olio Dop Monti iblei, con la pubblicazione sulla Gazzetta europea dello scorso 19 agosto, è stato modificato. Un lavoro non da poco, che impegna il Consorzio già dal lontano 2012.

Parecchie le novità: dall'ampliamento delle aree di produzione, con l'ingresso di nuovi comuni, all'inserimento di nuove varietà.
Quattro le new entry: Scordia e Mirabella Imbaccari in provincia di Catania, Avola e Carlentini nel Siracusano. In questi comuni, infatti, "sono stati riscontrati i requisiti storici ed agronomici per poter far parte della zona geografica di produzione dell'olio Dop Monti iblei".

Oliveto nella zona dei Monti Iblei - ph. Giulio Lettica
Oliveto nella zona dei Monti Iblei - Foto di ibleo (Giulio Lettica) - Flickr, CC BY-SA 2.0

È stata introdotta la possibilità di utilizzare la denominazione "Monti iblei" per tutta la produzione eliminando l'obbligo di usare le menzioni geografiche aggiuntive. Anche l'altitudine, inerente l'ubicazione delle piante o dei terreni olivetati, non ha più alcun limite.

Altra novità, riferita sempre al disciplinare di produzione pubblicato sulla Gazzetta europea, riguarda l'inserimento di due varietà autoctone Biancolilla e Zaituna e la possibilità, per i produttori, di realizzare oli monocultivar o, in alternativa, con uno, due, tre e al massimo cinque cultivar diverse.

Olive dei Monti Iblei

"Abbiamo incassato un risultato straordinario - commenta Giuseppe Arezzo, presidente del Consorzio di tutela dell'olio Dop Monti iblei - frutto di un lavoro incessante del consorzio e del consiglio di amministrazione. Abbiamo tutte le carte in regola, adesso, per portare avanti un importante lavoro di promozione con l'aiuto che ci arriverà anche, ne siamo certi, dal sindaco di Chiaramonte Gulfi, Sebastiano Gurrieri, nella sua qualità di coordinatore regionale delle Città dell'olio della Sicilia".

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

16 settembre 2020

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Tu piaci a Guidasicilia.
Guidasicilia piace a te?
= Hai già dato il MI PIACE
= Puoi dare ora il MI PIACE