Naufragio negato al largo di Portopalo

A 19 miglia da Capo Passero il più grande cimitero del Mediterraneo

16 giugno 2001
In una notte di festeggiamenti, di allegria e di preghiera di quattro anni fa 283 persone si inabissavano nelle acque del mediterraneo e nell'indifferenza di tutti.
La tragedia del 26 dicembre del 1996, fino a qualche giorno fa realtà negata, adesso è realtà concreta, testimoniata dai corpi riemersi dagli abissi e filmati da Repubblica.
283 fra indiani, pakistani, cingalesi e tamil desiderosi di una vita migliore, vittime di uomini senza scrupoli che pur di arricchirsi vendono vite umane alla morte, giacciono abbandonati sul fondo del mediterraneo. Gli unici a conoscenza del "cimitero marino" sono i pescatori della zona che, per evitare perdite di tempo con la capitaneria di porto, per anni rigettano a mare i cadaveri venuti a galla con le reti.
Ma la verità viene sempre a galla e tra i pesci nelle reti dei pescatori, stavolta c'è una carta d'identità: Anpalagan Ganeshu, nato il 12 aprile 1979 di origine cingalese. Solo uno dei tanti corpi che popolano il cimitero sottomarino.

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

16 giugno 2001

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia