Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

Nell'ex base missilistica di Comiso (RG) al posto dei cannoni... sbocceranno i fiori

Nell'ex base missilistica Nato nascerà il Polo del sistema ortoflorovivaistico

22 ottobre 2004

L'ex base missilistica di Comiso (RG) diventerà laboratorio scientifico: ospiterà il Centro di innovazione per la filiera delle colture protette, e il Polo per la qualità delle filiere agroalimentari.
E' quanto prevede una bozza d'accordo tra il Comune e la Regione siciliana.

Le due strutture saranno ospitate nell'edificio 12. Il protocollo d'intesa tra l'assessore regionale all'Agricoltura Innocenzo Leontini e il sindaco di Comiso, Giuseppe Di Giacomo, sarà firmato a breve. ''L'ortoflorovivaismo svolge un ruolo di primaria importanza nell'ambito dell'economia isolana sia in termini di superficie sia di produzione lorda vendibile - dice Leontini - ma le nostre produzioni orticole non riescono a mantenere i mercati o a guadagnarne di nuovi, nonostante le qualità organolettiche delle produzioni. Di ciò siamo sempre più consapevoli e dobbiamo correre ai ripari''. Da qui l'idea dell'accordo quadro per la ''Qualificazione del sistema ortoflorovivaistico'' per il quale la Regione provvederà ad adeguare un edificio dell'ex struttura missilistica di Comiso, a realizzare le dotazioni strumentali dei laboratori e degli uffici, ad organizzare le attività e la formazione del personale interno ed esterno. Al resto provvederà il Comune di Comiso. La durata dell'accordo è fissata in 10 anni.

''Al di la' della formazione, promozione e sensibilizzazione della cultura della qualità nel settore agroalimentare - aggiunge Leontini - c'è tutto il metodo da cambiare: mi riferisco alla necessità di creare protocolli di produzione relativi a tecniche innovative idonee ad esaltare le potenzialità qualitative delle coltivazioni in ambienti protetti, alla definizione di una struttura serricola che sia da modello per le nuove condizioni produttive nel Mediterraneo. E c'è l'emergenza ambientale, con la necessità di prevedere alternative all'uso del bromuro di metile ed assicurare quindi l'ecosostenibilità in agricoltura''.
''La crisi è evidente - conclude l'Assessore Leontini - ed è accentuata dalle note difficoltà strutturali, quali le distanze dai mercati, l'incapacità di aggregazione dei produttori in stabili e forti organizzazioni, le carenze tecnologiche non in grado di garantire produzioni programmate nel tempo. A questo, di recente, si aggiungono altri problemi legati al doversi confrontare con mercati caratterizzati dalla grande distribuzione e dalla distribuzione organizzata, sempre più orientata verso prodotti riconoscibili per i 'marchi', ad alto contenuto salutistico, come il 'biologico' e caratterizzati da percorsi noti, quali la 'rintracciabilità'. Tutti elementi rispetto ai quali la nostra agricoltura è  in ritardo, quindi svantaggiata''.

Fonte: Ansa Agroalimentare Sicilia

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

22 ottobre 2004
Caricamento commenti in corso...

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Tu piaci a Guidasicilia.
Guidasicilia piace a te?
= Hai già dato il MI PIACE
= Puoi dare ora il MI PIACE