Nell'isola cresce la qualità delle produzioni agroalimentari

Premiata la scelta di fare rotta sulla produzione di qualità

07 agosto 2001

La rivoluzione agroalimentare siciliana è guidata da vino e olio.

Sebbene diminuiscano i quantitativi di prodotto esportato aumenta però la qualità e dunque il valore aggiunto
Risulta dal primo rapporto sul settore secondo il quale l'anno scorso nell'isola si è fatturato 7.347 miliardi, il 4 per cento in più rispetto al '99.

Riguardo al vino, a fronte di un calo dell'export (dai 202 miliardi del '99 ai 175 miliardi del 2000), il valore medio unitario del vino è cresciuto del 6,8 per cento.
Si premia quindi la scelta di fare rotta sulla produzione di qualità.

Per l'olio una crescita consistente del valore medio (6%), a testimonianza del considerevole numero di aziende che creano etichette di qualità, magari da vendere attraverso Internet.

Seguirà la qualificazione del settore agrumicolo, storico fiore all'occhiello dell'agricoltura siciliana?

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

07 agosto 2001

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia