Nella speranza che il futuro del Circuito Auomobilistico di Pergusa (EN) non rimanga incerto

29 novembre 2006

Ci sarà una stagione motoristica il prossimo anno sul circuito di Pergusa, inattivo già da tre anni?
L'interrogativo, in questi giorni, è al vaglio dei tre enti direttamente interessati a questo problema, vale a dire Provincia regionale, proprietaria del circuito e della riserva naturale pergusina, il Comune capoluogo ed ovviamente l'Ente Autoromo di Pergusa, presieduta dal medico Antonio Giuliana.
Proprio lunedì scorso i rappresentanti dei tre enti, collaborati dai responsabili dei rispettivi uffici tecnici si sono riuniti per vagliare con attenzione progetto e disponibilità finanziarie che dovrebbero consentire di apportare quelle modifiche strutturali necessarie per ottenere da Fia e Csai le licenze per la organizzazione di gare internazionali e nazionali.
Il progetto prevede lo spostamento a monte di una parte della stradella di servizio, che si trova sempre allagata e piena di fango, ed un tratto di questo terreno, utilizzarlo per la realizzazione di una via di fuga, quindi si dovrebbero apportare modifica ad una chicane e la installazione di un impianto a circuito chiuso per il controllo del circuito durante le gare.

Il Credito Sportivo ha inviato una nota che evidenzia come per il mutuo di 3 milioni e cinquecento mila euro ci sono ancora sessanta giorni di tempo. ''Ci stiamo muovendo per ottenere i pareri positivi da parte dei componenti il comitato tecnico provinciale (Provincia, Comune, Genio Civile, Sopraintendenza , Forestale, Vigili del Fuoco) - ha dichiarato il presidente dell'Ente, Antonio Giuliana -. Cercheremo di arrivare in tempo per presentarci alla riunione dei titolari dei circuiti automobilistici quando verrà stilato il calendario delle manifestazioni nazionali ed internazionali''.

Ovviamente in questo momento delicato Provincia regionale, Comune ed Ente Autodromo devono collaborare a tutto campo ricordando che la sospensione delle gare per il 2007 significherebbe la chiusura definitiva del circuito automobilistico, che rimane sempre uno dei fattori di sviluppo socio-economico del territorio.

Fonte: ViviEnna.it

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

29 novembre 2006

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia