Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

Niente ponte sullo Stretto

Il governo: "Chiuderemo le procedure degli anni passati prima possibile"

01 ottobre 2012

Il governo non ha alcuna intenzione di fare il Ponte sullo stretto di Messina, anzi, ha spiegato Jacopo Giliberto, portavoce del ministro dell'Ambiente Corrado Clini, "al contrario, il governo vuole chiudere il prima possibile le procedure aperte anni fa dai precedenti governi, e per farlo deve seguire l'iter di legge".
Il governo smentisce così l'ipotesi riferita da Repubblica (LEGGI), che denunciava come, aldilà delle volontà politiche, ci sia una burocrazia che porta avanti le procedure del progetto.

Prima che arrivasse la smentita dal ministero dell'Ambiente, un coro di voci contrarie si era levato contro il governo. Secondo il presidente dei Verdi, Angelo Bonelli, "riaprire le procedure per il Ponte è uno schiaffo all'Italia onesta", e significherebbe "buttare 8,5 miliardi di euro per soddisfare le lobby del cemento mentre il paese cade a pezzi a causa del dissesto idrogeologico e non ci sono fondi per il trasporto pubblico e per bonificare i territori devastati dall'inquinamento". "Con gli 8,5 miliardi di euro del Ponte sullo Stretto si potrebbero realizzare 90 km di metropolitana o 621 Km di rete tranviaria, acquistare 3.273 tram e 23.000 autobus ecologici rivoluzionando il trasporto pubblico nelle nostre città e affrontare finalmente il problema dei pendolari che vivono una situazione drammatica - continua - e si potrebbe attivare un vero e proprio piano nazionale per il trasporto pubblico che consentirebbe di salvare i posti di lavoro messi in pericolo dalla crisi del settore automobilistico e dalle minacce della Fiat di lasciare l'Italia".

Anche per Enrico Letta, vicesegretario del Pd, "far ripartire l'operazione-Ponte sarebbe un errore", mentre i due parlamentari ecodem Roberto Della Seta e Francesco Ferrante, senatori Pd, invocano uno stop agli sprechi: "E' assurdo e inaccettabile che tutti i giorni si parli di spending review e poi si continuino a buttare soldi dei contribuenti tenendo in vita l'iter di un'opera del genere. Il governo Monti finalmente l'aveva detto con chiarezza, non si capisce perché i ministri Clini e Passera si muovano al contrario". Dello stesso parere è anche Felice Belisario, capogruppo Idv al Senato: "Sono ben altri gli investimenti in opere pubbliche che servono per rilanciare lo sviluppo del Sud". E su Twitter Massimo Donadi, capogruppo Idv alla Camera, ha ribadito: "In Italia quando piove muore qualcuno: le risorse vanno dirottate su infrastrutture urgenti".

Infine, la rassicurazione da parte del ministero dell’Ambiente: "Non c'è alcuna intenzione di riaprire il discorso sul ponte sullo stretto di Messina".

[Informazioni tratte da Adnkronos/Ign, ANSA, Lasiciliaweb.it, Repubblica.it]

 

 

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

01 ottobre 2012
Caricamento commenti in corso...

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia