Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

Niente revisione del catasto per i terreni e i fabbricati agricoli

I chiarimenti del ministro per le Politiche agricole, Mario Catania

18 aprile 2012

Nel disegno di legge di delega fiscale (LEGGI) è prevista una revisione del sistema catastale dalla quale è escluso il catasto dei terreni agricoli, mentre "nella stesura attuale" la delega non è applicabile ai fabbricati rurali.
E' quanto sottolinea il ministro delle Politiche agricole, Mario Catania, che segnala come, anche per quanto concerne le imposte sui redditi, "le nuove misure delineate dal ddl di delega fiscale per le imprese non si applicano al settore agricolo". Le imprese agricole, pertanto, "continueranno a calcolare e a corrispondere l'imposta secondo l'attuale sistema, basato sul reddito agrario derivante dal catasto".

Catania in una nota fa il punto sulle novità per il settore in relazione sia al disegno di legge recante una delega al governo in materia fiscale che al decreto legge concernente semplificazioni in materia fiscale attualmente all'esame della Camera. "Le misure in questione - osserva - comportano indubbiamente un sacrificio per gli agricoltori, particolarmente in relazione all'Imu. Questo onere deve essere messo in relazione alla fase economica che stiamo attraversando e che ha costretto a forti sacrifici l'intera società italiana". "Le disposizioni per la fiscalità agricola testimoniano però - prosegue Catania - l'impegno del governo diretto ad evitare che venga compromessa la redditività delle imprese, in una visione che tutela la specificità del settore. Le correzioni introdotte per l'Imu e le scelte adottate nel disegno di legge di delega fiscale assicurano un quadro complessivo che consentirà alle aziende agricole una proficua prosecuzione del proprio impegno produttivo".
Dalla revisione del catasto contenuta nel disegno di legge di delega fiscale è dunque escluso il catasto dei terreni agricoli. Per quanto concerne i fabbricati rurali, "pur essendo in linea di principio inclusi nel perimetro della delega (che concerne il catasto fabbricati), non sono tuttavia previsti principi e criteri direttivi per l'esercizio della revisione. Ciò comporta che nella stesura attuale la delega - afferma Catania - non è applicabile ai fabbricati rurali". Sempre in merito alla tematica catastale, "va poi segnalato che nella conversione del decreto legge sulla semplificazione fiscale è contenuta una disposizione che dà la possibilità al ministero delle Politiche agricole alimentari e forestali, di concerto con il ministero dell'Economia e Finanze, di riclassificazione dei Comuni ai fini della catalogazione delle categorie di Comuni svantaggiati e montani ai fini Imu. La norma è diretta a riposizionare i Comuni stessi alla luce della effettiva redditività delle diverse zone agricole, in modo da realizzare una catalogazione Imu (relativa alle zone soggette e a quelle esenti) più rispondente alla realtà economica delle imprese", spiega Catania. "Tale operazione costituisce il primo adempimento in direzione di una più ampia revisione del catasto terreni, in merito al quale il governo valuterà le modalità, da porre in essere con successivo provvedimento, per la realizzazione di un catasto rispondente alla reale evoluzione economica della redditività dei terreni", afferma il ministro.

E la conversione del decreto legge sulle semplificazioni fiscali arreca alcune "importanti novità" per fabbricati e terreni agricoli: vengono esentati dall'imposta i fabbricati rurali ad uso strumentale ubicati nei Comuni montani o parzialmente montani e viene introdotta una franchigia (fino a 6.000 euro di valore) e una riduzione d'imposta (fino a 32.000 euro di valore). "Questa riduzione - afferma - è prevista a fini prudenziali, tenuto conto delle incertezze del gettito derivante dall'imposta, e consentirà di valutare opportunamente il gettito medesimo. Al riguardo la norma prevede espressamente che, in caso di gettito superiore alle previsioni, venga ridotta l'aliquota prima del saldo di dicembre". "Il meccanismo introdotto evita pertanto la possibilità di un forte extra-gettito gravante sul settore, che era stato paventato dalle organizzazioni agricole", conclude. [Labitalia]

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

18 aprile 2012
Caricamento commenti in corso...

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia