Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

Non è Denise la piccola avvistata ieri da un benzinaio di un paese nell'hinterland milanese

Una mattinata di speranze spazzate via dagli esami del dna

25 marzo 2005

E' stata una mattinata di speranza per i familiari della piccola Denise Pipitone, una speranza falsa purtroppo.
Ieri una piccola molto somigliante a lei è stata rintracciata nel milanese e fermata dai carabinieri. L'esame del dna ha dato però esito negativo. Una falsa speranza confermata a fine mattinata anche dalla mamma di Denise, Piera Maggio, giunta ad Abbiategrasso, nell'hinterland meneghino, proprio per incontrare la bimba: "Appena l'ho guardata negli occhi ho capito che non era lei", ha detto.

La piccola era stata notata ieri da un benzinaio, che l'avrebbe vista bordo di un'auto con un altro ragazzino e una coppia di nomadi adulti. L'uomo ha chiamato subito i carabinieri. In pochi minuti, una pattuglia di Abbiategrasso ha rintracciato e bloccato la vettura, portando i nomadi e la bimba in caserma.
In nottata alla piccola è stato prelevato un campione di saliva, che è stato inviato immediatamente ai carabinieri del Ris di Parma. La nomade ha continuato a sostenere che si tratta di sua figlia, e che è nata all'inizio del gennaio del 2001. La donna è apparsa tranquilla, e spontaneamente ha prodotto il campione di saliva per i raffronto col dna della bimba.

Di questi sviluppi, comunque, erano stati informati i magistrati siciliani che indagano sul caso, e che già ieri sera sono giunti a Milano: il procuratore della Repubblica di Marsala, Silvio Sciuto, e un sostituto. E' stata una fotografia fatta alla bimba a convincerli a partire. La foto è stata inviata tramite e-mail e poi mostrata anche alla madre, che ha raggiunto anche lei, questa mattina, Milano.
Solo oggi si è scoperto che l'identità della piccola è un'altra: la bambina si chiama Greis, e ha quattro anni. Lo hanno rivelato alcuni parenti della madre, appartenenti a un gruppo di giostrai che fanno base a Vercelli e che si sono recati, questa mattina, davanti alla caserma dei carabinieri di Abbiategrasso.

Secondo gli inquirenti, comunque, la bimba fermata non è quella filmata l'ottobre scorso dalla guardia giurata di Milano.


CHI VUOLE COMUNICARE INFORMAZIONI ED ELEMENTI CHE POTREBBERO ESSERE UTILI PER IL RITROVAMENTO DELLA PICCOLA DENISE, PUO' CHIAMARE DA TUTTA ITALIA IL NUMERO 114 DI EMERGENZA INFANZIA, LA LINEA TELEFONICA GRATUITA GESTITA DA TELEFONO AZZURRO.
GLI OPERATORI, IN COSTANTE CONTATTO CON GLI INQUIRENTI, PROVVEDERANNO A RACCOGLIERE E COMUNICARE I DATI AGLI ORGANI DI POLIZIA.

PER POTER FORNIRE QUALSIASI INFORMAZIONE UTILE IN QUALSIASI MODO AL RITROVAMENTO, TELEFONARE AL NUMERO: 340 5403309

www.cerchiamodenise.org

www.giornalistifreelance.it

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

25 marzo 2005
Caricamento commenti in corso...

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia