Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

Non si placa la protesta delle tute blu di Termini Imerese

Gli operai dopo un ora di blocco hanno liberato la stazione. Domani la protesta si sposterà a Palermo

19 settembre 2011

Non si ferma la protesta delle tute blu della Fiat e dell'indotto a Termini Imerese. Anche oggi, nonostante la pioggia battenete, gli operai hanno bloccato la stazione ferroviaria di Termini Imerese. La decisione è stata presa al termine dell'assemblea, che si è svolta davanti i cancelli della fabbrica del Lingotto, dove si assembla la Lancia Ypsilon. Dopo circa un'ora, comunque, hanno sospeso la protesta.
C'è attesa per la riunione in programma domani a Palazzo D'Orleans a Palermo con il governatore della Sicilia Raffaele Lombardo. Gli operai chiedono garanzie sui livelli occupazionali per tutti i 2200 metalmeccanici dell'area industriale termitana.

Domani la protesta si sposterà nel capoluogo siciliano; i sindacati hanno organizzato un sit-in a piazza Indipendenza davanti la sede della Presidenza, dove le tute blu arriveranno con 8 pullman da Termini Imerese. "Questa vertenza, giorno dopo giorno, diventa sempre più difficile - dice il segretario provinciale della Fiom di Palermo, Roberto Mastrosimone - Chiediamo un incontro per questo pomeriggio stesso nella sede del Comune di Termini Imerese con i sindaci del comprensorio".
Gli operai chiedono garanzie sul loro futuro occupazionale, in vista dell'addio deciso dalla casa automobilistica torinese per il 31 dicembre di quest'anno. Oggi i lavoratori sono in cassa integrazione; un'altra giornata di cig è prevista per venerdì.

Il 27 settembre è previsto il tavolo al ministero dello Sviluppo economico. "L'incontro romano era previsto mercoledì, lo aveva assicurato l'assessore regionale alle Attività produttive - dice il segretario provinciale della Uilm Vincenzo Comella - invece è slittato al 27 settembre. Questa è la prova che ancora sul futuro dello stabilimento della Fiat e il rilancio dell'area industriale di Termini Imerese non c'è niente di concreto. Continuiamo a chiedere risposte per i 2.200 metalmeccanici dell'area".

Ieri, l'esasperazione delle tute blu di Termini si è manifestata davanti la concessionaria della casa automobilistica torinese di via Imperatore Federico, a Palermo. Circa duecento manifestanti si sono radunati davanti alla concessionaria mentre era in corso la presentazione della nuova Lancia Y e hanno lanciato per protesta uova contro la vetrina dell’autosalone.
"I 2.200 metalmeccanici che lavorano in quell’area sono persone, in carne ossa e sentimenti, non numeri con i quali giocare". Così Tonino Russo del Partito democratico, che al governo dice: "La smetta di perdersi in chiacchiere e si assuma per intero le proprie responsabilità. In ballo c’è il futuro di un’economia, che per decenni ha ruotato quasi esclusivamente intorno a quello stabilimento. La gente è esasperata - ha aggiunto - gli operai, spesso, sono disperati perchè non sanno cosa li attenderè domani". "Il Governo nazionale si adoperi subito per uscire dal limbo, che negli anni ha contribuito a creare - ha concluso Russo - ed eviti di alimentare un clima di ristagno, che inevitabilmente porta a surriscaldare gli animi".

[Informazioni tratte da ANSA, Lasiciliaweb.it, Corriere del Mezzogiorno]

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

19 settembre 2011
Caricamento commenti in corso...

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia