Notti marziane. Marte brillerà come non mai e in queste notti autunnali sarà ben visibile a occhio nudo

Con il telescopio si potrà osservare una tempesta di sabbia

31 ottobre 2005

Marte brilla nel cielo di ottobre e novembre
Incontro ravvicinato: si avvicina alla Terra fino a 69 milioni di km
di Franco Foresta Martin (Corriere.it)

Brilla come un faro già alle prime ombre della sera, basso sull'orizzonte, a Est. E' il pianeta Marte che tra la fine di ottobre e i primi di novembre 2005 si trova in opposizione (cioè lungo la congiungente Sole-Terra-Marte) e si avvicina alla Terra fino a 69 milioni di km. Sono tantissimi e tuttavia rappresentano un record di minima distanza, visto che il prossimo incontro altrettanto ravvicinato sarà fra 13 anni, nel 2018.
Il risultato dell'opposizione marziana, che si verificherà esattamente il 7 novembre prossimo (ma la minima distanza Terra-Marte sarà toccata il 31 ottobre), si può già apprezzare da qualche sera. E' sufficiente un cielo appena sereno per vedere il pianeta a occhio nudo brillare più di qualunque altra stella fin dalle ore 20 a Oriente (dove sorge il Sole).

I colori. Rosso e lampeggiante secondo alcuni; giallo-arancione secondo altri: tutto dipende dalla sensibilità individuale ai colori e dalle condizioni dell'atmosfera. Poi, con l'avanzare della notte, il pianeta sale e, attorno alla mezzanotte, raggiunge un'altezza massima di circa 65 gradi. Due anni fa, nell'estate del 2003, quando Marte ci regalò un'altra spettacolare opposizione, l'incontro con la Terra fu più ravvicinato, ma l'osservazione alle nostre latitudini meno favorevole in quanto l'altezza massima del pianeta nella volta celeste non superava i 33-34 gradi.
 
L'osservazione col telescopio. L'autentico spettacolo Marte lo riserva ai fortunati possessori di un telescopio, anche di modeste dimensioni, cioè con una lente obiettivo dai 15 cm in su e una lunghezza focale di circa 100 cm. Basta puntare il pianeta rosseggiante per distinguere le calotte polari Sud e qualche macchia chiara o scura sul dischetto del pianeta, il cui diametro apparente raggiunge i 20 secondi di arco la notte di Halloween, il 31 ottobre 2005.

La tempesta di sabbia. Chi può fare affidamento su strumenti ottici ancora più potenti si godrà uno spettacolo supplementare: proprio in questi giorni su Marte si è scatenata una tempesta di sabbia globale, che ha avvolto vaste regioni in una specie di foschia densa. Alcuni osservatori dell'Unione astrofili italiani (Uai) stanno documentando il fenomeno, notte dopo notte, con bellissime fotografie e organizzando serate osservative per il pubblico. I possessori di una semplice macchina digitale, si può accontentare di una foto artistica inquadrando il puntino scintillante di Marte sullo sfondo di qualche oggetto terrestre.

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

31 ottobre 2005

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia