Oggi e domani a Taormina

si presenta la Carta del rischio del Patrimonio Culturale e ambientale della Regione Siciliana

20 marzo 2002
Il 20 e il 21 marzo verrà presentato in due giornate di studio a Taormina la "Carta del rischio del Patrimonio Culturale e ambientale della Regione Siciliana".

"Un progetto per il Mediterraneo", sponsorizzato dal governatore Cuffaro e dall'assessorato dei Beni Culturali di fabio Granata,  nasce nell'ambito del progetto europeo Archi-Med, coordinato in Italia dall'Istituto Centrale per il Restauro di Roma.

Il progetto prevede la mappatura del patrimonio artistico, monumentale e archeologico al fine di provvedere a una sua più efficace tutela.
La carta dei rischi sarà, nelle intenzioni dei coordinatori del progetto (il Centro Regionale per la Progettazione e il Restauro), uno strumento per gestire il territorio.

Per realizzarla saranno messi in relazione la vulnerabilità dei singoli monumenti con la pericolosità ambientale.
La parte anagrafica dello studio sarà completata in un anno e l'intero percorso sarà invece concluso entro il 2006.
Il primo progetto-pilota riguarda Taormina e il suo teatro.

A regime il progetto mira a diventare  una vera agenzia per la conservazione del patrimonio culturale aperta ai Paesi del bacino mediterraneo con i quali saranno intrattenuti scambi di informazioni e know-how sulla conservazione.
Alla due giorni di Taormina è atteso il presidente della Commissione Europea Romano Prodi.

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

20 marzo 2002

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia